RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Domani sera al Lanificio 159 la presentazione di “Missili e somari”, il nuovo disco di Luca Carocci

Più informazioni su

cover_carocci_webE’ prevista per domani, mercoledì 23 novembre, al Lanificio 159 di Roma, la grande festa di presentazione di “Missili e somari”, il nuovo disco di Luca Carocci. Accanto al cantautore romano, una band straordinaria, composta da: Filippo Gatti (anche produttore “Missili e somari”, assieme a Pietro Sermonti), Margherita Vicario, Valeria Ehrenheim, Francesco Forni, Carmine Iuvone, Fabrizio Fratepietro e Roberto Angelini.

Ospiti speciali della serata: Colandrea, Galoni, Gabriele Lazzarotti, Fabio Rondanini, Daniele “Mr Coffee” Rossi, Ilaria Graziano, Matilda De Angelis, Erica Mou, The Niro, Gnut, Marco Fabi, Leo Pari, Pietro Sermonti, Bianco, Francesco Fiore e Stefano Scarfone.

 

LUCA CAROCCI LIVE

“MISSILI E SOMARI” Release Party

23 NOVEMBRE 2016

LANIFICIO 159

Via di Pietralata, 159/A – Roma

Inizio ore 22:30 – Ingresso 7 euro

“Missili e somari” è una raccolta di nove canzoni dedicate ad altrettanti modi di vivere l’amore e l’appartenenza: nove novelle cantate attraverso parole evocative e mai banali, intime e delicate, come i luoghi scelti dal cantautore per ambientare le sue storie. Tutto il disco è pervaso da suoni morbidi e aggraziati, in un’atmosfera folk acustica di grande suggestione. La voce è intensa e compenetrante.

C’è la lettera ad Arturo (“Arturo”), un bambino che sta per nascere, quella ad un’amica (“Ciao amica”), occasione per parlare del prezzo dell’amore, e quella alla vita, dedicata alle radici e ai ricordi (“Le rose e i limoni”).

Ma non solo. Carocci si rivolge direttamente al pubblico e racconta la fiaba di una bambina che non conosce l’amore incondizionato perché non ha mai incontrato i genitori (“31/12/2011”), trasforma Gaeta in una metafora (“Il salvagente”), duetta con Francesco Forni “La ragazza con il pallone” e con Bianco in “Passo dopo passo”, parla del bisogno di stare insieme “Sempre senza parole” e si congeda con ”L’odore del pane”.

 

TRACKLIST

1. ARTURO

2. CIAO AMICA

3. 31/12/2011

4. IL SALVAGENTE

5. LE ROSE E I LIMONI

6. LA RAGAZZA CON IL PALLONE (feat. FRANCESCO FORNI)

7. PASSO DOPO PASSO (feat. ALBERTO BIANCO)

8. SEMPRE SENZA PAROLE

9. L’ODORE DEL PANE

 

“MISSILI E SOMARI” – LUCA CAROCCI

Luca Carocci: voce, chitarre acustiche

Filippo Gatti: basso

Francesco Forni: voce, chitarre elettriche

Roberto Angelini: weissenborn, lap steel

Fabio Marchiori: piano, fender rhodes

Fabio Rondanini: batteria

Alberto Bianco: voce

Margherita Vicario: cori

Maurizio Montesi: cori

 

LUCA CAROCCI PARLA DI “MISSILI E SOMARI” – TRACCIA PER TRACCIA

ARTURO

“…tu di notte amore mio, io di notte amore…”

Il pensiero di Arturo nasce da un aneddoto. Il giorno in cui Pietro Sermonti decise di produrre il disco, ricevette, mentre era a casa mia, la telefonata di un amico che stava per diventare padre. Il bimbo si sarebbe chiamato Arturo. Quando Pietro andò via, pensai a cosa avrei potuto dire a questo nascituro e cosa avrebbe pensato lui ascoltando, da grande, questo brano. Arturo esiste ed è un bimbo meraviglioso.

CIAO AMICA

”…l’amore costa caro, cara staccami un assegno…”

Con questa frase posso racchiudere il senso del brano. Quanto ci costa l’amore? Oppure, quanto ci fanno credere che costi? Costa più l’amore oppure rinunciarvi? Mah…chi lo sa…

31/12/2011

Qui si va indietro nel tempo. Scrissi questo brano una quindicina di anni or sono. Conobbi questa ragazza che non aveva mai conosciuto i genitori, quindi non aveva ben chiaro cosa fosse l’amore incondizionato. Ecco, faceva fatica a credere nelle cose belle, non sapeva riconoscere quella sensazione. Credo che, fino ad allora, nemmeno io avessi ben capito quanto sia poco scontato ricevere affetto e da allora provo a riconoscerne l’odore in mezzo a tanti deodoranti.

 

IL SALVAGENTE

“…ma lì dove c’era il mare adesso c’è soltanto uno stabilimento…”

Gaeta, estate 2014 credo… è l’estate in cui ho realizzato che non si va più al mare, per stare al mare… per godersi l’intensità della natura. L’abnegazione al fare cose e vedere gente, come diceva Nanni Moretti. Avendo vissuto per 15 anni circa sull’oceano, ricerco la natura, adoro la natura e tutti gli esseri che mi aiutano a farne parte.

 

LE ROSE E I LIMONI

Questa è una canzone senza tanti fronzoli. Ho voluto raccontare la mia famiglia, ma scegliendo i tratti comuni delle famiglie tipo di quegli anni. Insomma, i miei genitori avevano 19 anni nel ’68, hanno vissuto il boom economico, ma hanno anche dovuto scontrarsi con un mondo che sapeva da dove veniva, ma non aveva ben chiaro dove sarebbe andato. “la vita ti insegna il coraggio che manca…”. Ricostruire il nucleo famiglia con un assetto diverso, secondo me, è una delle soluzioni in questo deserto aggregativo.

LA RAGAZZA CON IL PALLONE (feat. FRANCESCO FORNI)

Questo è un brano di Francesco Forni che ho sempre amato particolarmente. Durante le registrazioni, ho chiesto a Francesco di suonarlo con me, per capire se si poteva cantarlo insieme. Il risultato ci è piaciuto subito e sono immensamente felice di averlo nel disco, anche per la grande amicizia che mi lega a lui.

PASSO DOPO PASSO (feat. ALBERTO BIANCO)

“…fosso dopo fosso, rotolo rimbalzo e canto…”

Canzone nata in tour, in cui analizzavo quanti passi facciamo per raggiungere i nostri sogni e quanto loro siano attenti a farsi trovare sempre un passo più in là. Avendo intuito che forse non si arriverà mai, tanto vale godersi il paesaggio.

SEMPRE SENZA PAROLE

O tutto o niente, mi sembra prepotente come discorso! I rapporti umani sono ricorrenti come tema in questo disco. Credo che il concetto di “cosa pubblica”, di comunità, vada ripristinato e per farlo ci sia bisogno di tornare a parlarsi, a confrontarsi, senza casacche di colore diverso. Ancor prima di affrontare serenamente il concetto che la pelle non ha colore, dovremmo spogliarci delle nostre casacche, almeno da poterla vedere questa pelle.

L’ODORE DEL PANE

“…l’odore del pane è arrivata l’estate…”

Io abito in un paesino, si chiama Artena, il paese dei briganti, diciamo non proprio sul mare e, stranamente, io e i miei amici da ragazzi eravamo fissati con il surf da onda, motivo per il quale a 21 anni andai a vivere in Sri Lanka. Quando a casa mia si sente l’odore del pane  vuol dire che tira scirocco e quando c’è scirocco, il mare potrebbe essere nelle condizioni ottimali per il surf. Oltre a questo, nel ritornello ribadisco un concetto che ogni tanto mi sfugge… “in faccia alle nostre paure, ci siamo io e te…”
LUCA CAROCCI – BIOGRAFIA

Luca Carocci nasce ad Artena (Roma) e fin da giovanissimo suona la chitarra, canta e scrive. A 21 anni parte per lo Sri Lanka e da allora trascorre sedici anni viaggiando per il mondo. Approda a Miami, attraversa il Brasile, si catapulta in Grecia. Poi di nuovo aldilà dell’Atlantico, in Messico. Dopo tanto viaggiare sente la necessità di fermarsi e torna a casa, in Italia, per riordinare tutte le storie vissute e raccolte.

Per l’etichetta “Fiorirari“ pubblica il primo disco, “Giovani Eroi” (2014), con la produzione artistica di Gnut e la collaborazione di Roberto Angelini e Daniele “Mr. Coffee” Rossi.

Luca Carocci suona live, come chitarrista, con Gnut, Margherita Vicario, Operaja Criminale, Enrico Pezza, Los Santos (Canarie), Camila Buch (Argentina). Collabora con Margherita Vicario – sua compagna d’etichetta – e Bianco per il progetto “Margherita Biancocci”. Alle audizioni di Musicultura 2016 riceve entrambe le targhe in palio nella giornata, quella del pubblico e quella della giuria.

Il 25 novembre 2016 esce per la Fiorirari di Roberto Angelini, con la produzione esecutiva di Pietro Sermonti e artistica di Filippo Gatti, il suo nuovo album “Missili e Somari”. Alle registrazioni prendono parte: Margherita Vicario, Francesco Forni, Roberto “Bob” Angelini, Bianco, Fabio Marchiori e Fabio Rondanini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.