RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Giulia Montanarini: ora esco con un cd!

Più informazioni su

Giulia Montanarini, attraverso le pagine del magazine Eventiroma.com (uno speciale in distribuzione in questi giorni per festeggiare il milione di visite raggiunte dal sito), ci parla di lei e del suo futuro.
Inizia a lavorare, negli anni ’90, nel campo della moda, sfilando per diversi anni come modella e comparendo in alcune pubblicità televisive. Nel 1994 partecipa a “Miss Italia” e successivamente è nel cast di diverse trasmissioni di successo. Negli anni 2000 è la punta di diamante del gruppo del “Bagaglino” e recita in diversi film che sbancano il botteghino. Romina Loddi l’ha incontrata per Eventiroma.com

Domanda: Successo sportivo come campionessa di nuoto e a seguire esperienza nel fashion system come modella dal fisico statuario. Che ne pensi del mondo “dorato” delle top? Risposta: Il mondo della moda è molto simile a quello della tv. Richiede sacrificio e impegno. La carriera di modella poi è davvero breve se si pensa che si viene considerate anziane già a 24/25 anni. Sostanzialmente le top di oggi sono testimonial e le attrici. Rimpiango invece le autentiche dive delle passerelle degli anni ’90. Cindy Crawford, Linda Evangelista, Claudia Schiffer, Christy Turlington. Intramontabili professioniste che sono diventate vere icone di stile.

D: Esordio nello show business come concorrente a “Miss Italia”, poi letterina per “Passaparola” e ballerina per “Ciao Darwin” e “Carramba”. Cosa consiglialle teenagers che ambiscono allo spietato e concorrenziale mondo dello spettacolo? R: E’ un’attività per la quale bisogna prepararsi molto bene perché la competizione è sfrenata e perché fondamentalmente conta la meritocrazia. Vai avanti se hai qualità. Quindi è importante guardarsi allo specchio, analizzarsi obiettivamente e farsi un’autocritica senza ascoltare genitori fidanzati o amici che ti spingono e che ti illudono.

D: Come consideri il fenomeno Belèn? R: Senza dubbio è una bella ragazza. Direi anche preparata. Il suo successo è dovuto al fatto che rappresenta il sogno dell’Italiano medio. E’ quello che richiede il pubblico. Mi auguro non sia una meteora.

D: Showgirl del “Bagaglino”, presentatrice di “Compagni di squola”, partecipante a “La Fattoria”.Quanto ami metterti in gioco e spaziare in diversi ambiti? R: Si si voglio fare tutto! Voglio saper fare tutto! Mi piace osare sperimentare e cimentarmi in nuove esperienze lavorative. Inizialmente sono molto timida ma poi riesco bene a calarmi nella parte. Ricordo l’emozione quando ho recitato in “Per finta o per amore” con Remo Girone e il regista Marco Mattolini mi chiamava “la monaca musulmana”.

D: Attrice per Leonardo Pieraccioni e Neri Parenti. Un’icona di bellezza e di talento femminile dello star system che stimi?
R: Dunque il mio mito di ieri è sicuramente Marilyn Monroe. E’ unica. Una leggenda. Donne dello spettacolo di oggi che ammiro senza dubbio Alessia Marcuzzi e Michelle Hunziker. Mi piacciono molto entrambe.

D: Ci racconti qualche aneddoto di backstage tra gli scatti delle tue pose sempre sensuali? R: In realtà alcune pose che avete visto dovevano essere per un calendario che per problemi tecnici non è mai uscito. Se mi chiedessero oggi di farne uno lo farei volentieri. Anche perché ho collaborato all’iniziativa benefica dell’ associazione “For Planet” a tutela delle foreste Boliviane. Mi ha gratificato occuparmi del nostro patrimonio ambientale e con le mie colleghe mi sono divertita. Figurati che ci hanno dipinte tutte di blu e in una foto avevo un pappagallo sulla fronte. Immaginate che effetto finale stupefacente!

D: A che progetto stai lavorando in questo momento? R: Ad un progetto discografico che mi rende entusiasta. Il mio produttore esecutivo è Giacomo Celentano della “Celentano Group”. Uscirà il mio cd a febbraio 2011. Una canzone da disco anni ’90.

D: Una romanista a Milano, come vive la passione giallorossa? R: Non è facile essere tifosa quà ma sono orgogliosa di far parte di questa magnifica tifoseria e con la recente vittoria con il Milan a San Siro mi sono presa molte rivincite con i miei amici milanesi.

Fabrizio Pacifici

Più informazioni su