RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Gorilla Pulp: quando il Rock è molto “Hard” – intervista esclusiva

Più informazioni su

Gorilla Pulp_00

I Gorilla Pulp sono un’essenza italiana formata da 4 elementi, che incanalano il blues, psych, hard’n’heavy e stoner rock, proveniente dagli anni ’70 e ’80, nel loro modo così unico. Anche se Influenzati da colossi storici come Black Sabbath, Motorhead e Kyuss, non mancano di certo ispirazioni attuali a Red Fang ed Orange Goblin. Il progetto è nato nel 2014 dall’idea di Maurice (Midnight Sin e Favl) e Choris (Ispiria), si aggiungono presto Mr. Angelo Vernati (Neid e Degenerhate) e Giorgio ‘Bulldozer’ Pioli (fondatore degli ormai sciolti Minefield) per completare la line up. Vantano esperienze di tour nazionali ed all’estero nel panorama Underground, anche a supporto di band di calibro internazionale. In uscita il primo lavoro a settembre, registrato, mixato e masterizzato ai “Fear No One Studios” di Montefiascone (Viterbo) da Emiliano Natali. A breve il videoclip ufficiale della band con ospiti d’eccezione due note star del panorama del cinema Hard: Marina Mantero e Giada Da Vinci.

Abbiamo incontrato Maurice Flee, cantante e chitarrista del gruppo, per farci quattro “eccitanti” chiacchiere.

Quando e come è nata l’idea del progetto?

L’idea si concretizza ad aprile 2014 quando io (Maurice) e Choris , per un impegno lavorativo siamo ospiti dei Red Fang, così andiamo a Bologna a vedere il loro concerto. Gia’ assidui sostenitori del genere ne rimaniamo veramente colpiti e poche settimane dopo nascono i Gorilla Pulp con l’aggiunta di Mr. Angelo Vernati e Giorgio ‘Bulldozer’ Pioli.

Perché il nome Gorilla Pulp?

Il nome Gorilla nasce dall’idea di rappresentare un animale grezzo e allo stesso tempo più simile alla razza umana, viste le analogie tra i due esseri, mentre la parola Pulp è legata al genere artistico che ci rappresenta: siamo dei grandi sostenitori del Pulp in generale, da quello letterario degli anni ’30 alle produzioni cinematografiche di Tarantino. I nostri testi infatti parlano di storie realmente accadute ma in chiave più diretta, forte, metaforicamente in chiave ‘pulpeggiante’, come da tradizione.

E’ stato un incontro casuale il vostro, o si è sviluppato grazie a legami di amicizia?

E’ tutto nato così istintivamente e velocemente grazie alla nostra partecipazione da anni in altre band di spessore del viterbese. L’amicizia ha svolto un ruolo fondamentale per poi amalgamare il tutto e legare quel poco che mancava per creare una vera e propria Heavy Stoner band.

Nonostante la vostra giovane età, citate nomi storici del rock tra le vostre fonti d’ispirazione: cosa vi ha influenzato di più di queste band?

Sicuramente le nostre influenze provengono da quello che e’ stato il Blues e l’Heavy metal anni ’70/’80, genere che ha forgiato il nostro stile personale e poi quello che sarà il sound dei Gorilla Pulp. I riff di chitarra in stile settantiano sono quello a cui più dobbiamo e ciò da cui parte ogni nostra ispirazione per le canzoni da comporre.

A settembre uscirà il vostro primo album, cosa proporrete alle nostre “orecchie”?

Il vinile 7’’, ed a sopresa anche l’ormai dimenticata audiocassetta che sarà disponibile a settembre/ottobre 2014, vedrà canzoni in stile Stoner Rock classico, con chiara ispirazione ai pilastri degli anni ’70 senza tralasciare il desert moderno degli anni duemila. Saranno inoltre presenti esperimenti con chitarre lap steels e talk box per dare quel tocco di originalità che nello stoner a volte manca!!

Ci saranno live a supporto?

Stiamo contrattando già per dei live ad ottobre a supporto di band di spessore ed un tour nel 2015 in una grande nazione europea. Vi terremo comunque aggiornati!

Parliamo del videoclip che presenterete tra poco.

Il videoclip non è di per sé una grande novità per un gruppo musicale, se non fosse che come protagoniste del suddetto ci sono due attrici hard italiane di calibro internazionale: Marina Mantero e Giada Da Vinci. Il video è stato girato in varie location della Tuscia viterbese, dal classico ‘sfasciacarrozze’ a località meno sporche. Ne vedremo delle belle a Settembre quando uscirà sul tubo!

Perché il coinvolgimento di due pornostar?

La scelta di chiamare due attrici porno è nata dall’incontro con Marina Mantero e la voglia di proporre qualcosa di nuovo e più piccante al pubblico rock degli ultimi anni. Pensiamo che una partecipazione di tale spessore oltre ad essere stata motivo di grande divertimento sia un ottimo mezzo per arrivare anche a un pubblico diverso, anche fosse solo per curiosità. Aver lavorato per tre giorni con Giada e Marina è stata un’esperienza indimenticabile e abbiamo rivalutato quello che per noi era solo il mondo del porno fine a sé stesso. Sono delle ragazze strepitose e veramente simpatiche, ci saranno ulteriori collaborazioni anche in futuro, basterà seguirci per saperne di più!

Cosa vorreste far uscire dal vostro “cilindro”?

Il nostro motto è ‘Tour to Live’ e questa frase dice molto… L’obiettivo è quello di continuare a viaggiare suonando e poter collaborare con artisti del genere, come già fatto nelle altre situazioni musicali. Offriremo sicuramente live molto poco statici e bei muri di riff!! Venite ai concerti e supportate i gruppi emergenti per far crescere ancor di più la scena!

Grazie della tua disponibilità, Maurice, e mi raccomando, non fatevi distrarre dalle tentazioni troppo… “hard”!

Gorilla Pulp_02

i Gorilla Pulp sono:

Maurice Flee – vocals, guitars and lap steels, talkbox blowjobs

Choris – bass, backing vocals and noise

Angioletto – guitars, backing vocals and noise

Giorgio Pioli – drums

 

https://www.facebook.com/pages/Gorilla-Pulp/682768808477554

Gorilla Pulp_03

Più informazioni su