RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Jovanotti accende l’Olimpico

Più informazioni su

Con un inizio a sorpresa affidato a Piero Angela e ai suoi ‘viaggi nel cosmo’ Jovanotti accende l’Olimpico, tra ritmi forsennati e commozione. Qualcuno lo ha definito il ‘crooner elettronicò, l’unico artista della scena italiana e non solo, che riesce ad unire il romanticismo ad effetti speciali strabilianti, il divertimento all’emozione profonda. E lui non delude la ‘sua’ Roma: perchè nonostante la sua vita ormai si divida tra Cortona e Milano, è nella capitale che Lorenzo è cresciuto. Il pubblico romano ricambia accorrendo in massa ai suoi concerti. E le due date romane dell’Ora Tour, oggi e domani, non fanno eccezione: sold out ed entusiasmo alle stelle. L’incipit del concerto di debutto romano avviene come nelle altre date con il brano che apre anche l’album ‘Ora’ (da 23 settimane ai vertici delle classifiche) ‘Megamix’: «È questa la vita che sognavo da bambino, un pò di apocalisse e un pò di Topolino, un pò di Hello Kitty e un pò di Tarantino», canta Lorenzo. E questo è un pò anche il ‘manifestò del suo live, che alterna ritmi forsennati a set acustici più intimi, potenza e tenerezza. In scaletta tanti pezzi dell’ultimo album ma anche una selezione dei suoi grandi successi contenuti in album precedenti. Così a ‘Megamix’ segue un medley di ‘Falla girarè e ‘Spingo il tempo’.

L’Olimpico è già in festa, in sintonia con Jova che non si ferma un attimo sul palco enorme e asimmetrico fatto apposta per entrare nel cuore del pubblico e ribaltare tutti gli stereotipi del concerto pop. In scaletta sfilano quattro dei brani più belli dell’ultimo album: ‘La porta è aperta’, ‘Amami’, ‘L’elemento umano’ e ‘La notte dei desideri’. Poi un’incursione nell’album precedente per ‘Mezzogiornò. Non passa mezz’ora che Lorenzo cambia completamente registro e propone un set al pianoforte con tre dei suoi pezzi più amati e romantici: ‘Le tasche piene di sassì, ‘Come musica’ e ‘A te’. Arriva la title track ‘Ora’ e i 15 mila dell’Olimpico si uniscono in coro come nella successiva ‘Tutto l’amore che ho’. E poi ancora il pubblico può scatenarsi insieme a Lorenzo in un medley di ‘Io danzo’, ‘Tanto’ e ‘Positivo’. Nelle due ore e mezze di energia e libertà c’è spazio anche per ‘Battiti di ali di farfalla’, ‘L’ombelico del mondo’, ‘Mi fido di tè e per un nuovo set acustico. E in un’altalena di ritmi e sonorità arrivano anche ‘Fangò, ‘Quando sarò vecchio’, ‘Ragazzo fortunato’, la scatenata ‘Il più grande spettacolo dopo il Big Bang’ e ‘Baciami ancora’. Il gran finale è per la gioiosa ‘La bella vità, realizzata da Lorenzo insieme a due artisti del Mali, Amadou e Mariam. Alla costruzione di questo action movie musicale ha lavorato con Lorenzo per sei mesi un team di musicisti, videoartisti e ingegneri di scena per tradurre dal vivo l’energia di ‘Orà. Una quantità di tecnologia che non appare però mai fuori luogo, perchè inserita fino in fondo in un progetto ben chiaro. E molto godibile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.