RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Lina Sastri incontra il pubblico – secondo appuntamento con la rassegna “Singolarità del femminile” di Emilia Costantini – 13 marzo Teatro Argentina

Più informazioni su

Mercoledì 13 marzo ore 18.00 al Teatro Argentina

Lina Sastri è protagonista della rassegna

Singolarità del femminile

un ciclo di incontri dedicati all’universo femminile

per raccontare, attraverso le voci delle protagoniste della nostra scena sociale,

la sfida quotidiana di coniugare responsabilità desideri opportunità e aspirazioni.

ingresso libero

Mercoledì 13 marzo (ore 18.00) nella sala Squarzina del Teatro Argentina, Lina Sastri sarà protagonista del secondo appuntamento della rassegna Singolarità del femminile. Un ciclo di incontri dedicati all’universo femminile che Emilia Costantini, giornalista del Corriere della Sera, ha ideato per raccontare le donne sempre più protagoniste della realtà civile e sociale, sempre più presenti e competitive nel campo lavorativo.

«Perché ho aderito a questa iniziativa? Perché soprattutto nel difficile momento storico e politico che stiamo attraversando, mi sembra importante dare un contributo diretto, fornire una testimonianza anche privata, proporre una riflessione su ciò che le donne possono e devono fare per migliorare, spero, la situazione», afferma l’attrice napoletana.

Nata nel quartiere di Arenaccia, la Sastri, il cui vero nome è Guendalina, ha esordito nel cinema d’autore, con Il prefetto di ferro di Pasquale Squitieri. Vincitrice di tre David di Donatello e due Nastri d’Argento, è stata diretta da autori cinematografici come Nanni Loy, Nanni Moretti, Carlo Lizzani, Giuseppe Tornatore e John Turturro. Ma la sua carriera, oltre al grande e al piccolo schermo, si è concentrata soprattutto sul palcoscenico, dove ha lavorato con Eduardo De Filippo e poi con registi come Peppino Patroni Griffi, Armando Pugliese, Lluis Pasqual, recentemente Massimo Ranieri, interpretando ruoli importanti, da Elettra a Filumena Marturano. Nel 2011 è stata insignita del titolo di commendatore al merito dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e, in quell’occasione, ha dichiarato: «Sono piacevolmente sorpresa, sia perché non te l’aspetti mai di diventare commendatore, sia perché questa prestigiosa onorificenza mi arriva dal nostro Presidente, che stimo moltissimo».

Un capitolo a parte è l’omaggio che l’attrice, tre anni fa, ha voluto rendere alla madre, scrivendo e interpretando La casa di Ninetta: «L’ho scritto di getto, senza correzioni, qualche tempo dopo la morte di mia madre – spiega la Sastri – In parte di ispirazione autobiografica, come tutti gli scritti di chi scrittore non è di professione, un tributo alla donna più bella e straordinaria che io abbia mai conosciuto: Anna, detta Ninetta. Un viaggio alla ricerca di una donna che, ridendo, diceva di volersene andare in America e che invece ha finito la sua vita crocifissa da una malattia che non perdona, che umilia il corpo e la mente, come l’Alzheimer, in una città sorprendente, bellissima e spietata come Napoli».

Nel corso dell’intervista condotta dalla Costantini, l’attrice racconterà quindi la sua esperienza personale sia sul piano privato, per la propria realizzazione femminile attraverso il sentimento, sia su quello pubblico nell’affermazione professionale.

E come sempre non mancheranno né le domande da parte del pubblico in sala e nemmeno il punto di vista maschile con un personaggio che, dopo aver ascoltato in silenzio la discussione avvenuta in palcoscenico, avrà il compito di commentare, chiosare, riflettere, controbattere e magari anche polemizzare con quanto è stato affermato fino a quel momento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.