Quantcast

Lo spettacolo dal vivo all’Ellington Club: Never Again Kabarett (in scena sino a fine gennaio 2022)

Torno sempre volentieri all’Ellington Club, un locale che sta a Roma, al Pigneto, ma che “non sta a Roma”, almeno come mentalità, come approccio al pubblico.

Ci torno volentieri perché qui trovo due qualità che questa città incarognita, ormai più “cagna che mozzica” che “lupa che allatta”, ha perso: garbo e amabilità. Oltre al rinnovarsi dell’antico sodalizio fra artisti e pubblico che, di questi tempi ingrigiti, non è poco.

Essere ben accolti è sempre bello, trascorrere una serata che lava via un po’ dello smog dell’anima non ha prezzo.

Il locale, sebbene giovane, ha un suo mood molto preciso che rispecchia il sodalizio artistico ed umano del duo Dragone-Casella: Dragone (Vera) attrice e cantante, Casella (Alessandro) deus ex machina del Burlesque in Italia, già Direttore Artistico del Micca Club.

Ha rischiato grosso con l’inizio della pandemia l’Ellington Club, aperto a fine 2019 e poi colpito, come tutto il settore dello spettacolo dal vivo, dalle chiusure iniziate a marzo 2020. Il locale ha riaperto i battenti a fine settembre 2021 e si configura come un supper club (un locale dove si cena, si beve e si assiste allo spettacolo) che sta articolando un’offerta artistica di sicuro interesse – dagli show di Burlesque, alla musica dal vivo (swing, jazz, blues), al musical vero e proprio.

Proprio riguardo al musical, va in scena ogni venerdì e sino a fine gennaio 2022 lo spettacolo “Never Again Kabarett” con Attilio Fontana, Vera Dragone, Camilla Nigro, Miriam Gaudio, in scena insieme a Giuditta Sin, performer Burlesque e alle ballerine Lorena Noce e Chiara Albi e con la musica della band formata da Riccardo Balsamo (Piano), Lorenzo Remia (Chitarra), Hector Faustini (Basso), Alberto Damieto (Batteria), Gianmarco Iaselli (Sax).

E’ uno spettacolo molto particolare che prende spunto da un fatto storico (una bomba inesplosa nel bombardamento del 19 luglio 1943 quando le bombe alleate spazzano per due ore San Lorenzo, il cimitero del Verano, il Prenestino, il Pigneto, il Tiburtino e lambiscono il Tuscolano e l’Esquilino) e scende letteralmente dal palco per coinvolgere il pubblico in una performance artistica suggestiva ed emozionante che prevede ballo, canto, musica dal vivo, brani famosi e originali. Qui un trailer dello spettacolo: https://www.facebook.com/watch/?v=592257272013841

Generico novembre 2021

A mio parere un’esperienza da vivere e una realtà artistica e di spettacolo che va sostenuta: non so quanto Roma si meriti un posto come l’Ellington Club, ma sicuramente il locale si merita il supporto dei romani. Almeno di quelli che amano l’arte e lo spettacolo dal vivo.

CB