RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Musica d’autore al Sistina

Più informazioni su

Franco Califano – 18 marzo

Gigi Finizio – 19 marzo

Eduardo De Crescenzo – 21 marzo

Anna Oxa – 22 marzo

Michele Zarrillo – 23 marzo

Gino Paoli – 24 marzo

Musica d’autore al teatro Sistina di Roma dal 18 al 24 marzo con Franco Califano (18 marzo, h 21:00), Gigi Finizio (19 marzo, h 21:00), Eduardo De Crescenzo (21 marzo, h 21:00), Anna Oxa (22 marzo, h 21:00), Michele Zarrillo (23 marzo, h 21:00) e Gino Paoli (24 marzo, h 17:00). L’organizzazione è a cura della Ventidieci in collaborazione con il Sistina.

Alcune frasi tratte dalle sue canzoni sono diventate dei veri e propri slogan, lampi di genio capaci di illuminare un intero modo di sentire (a partire dal celebre «tutto il resto è noia»). Anche il linguaggio giornalistico ha saccheggiato non poco le sue intuizioni lessicali. FRANCO CALIFANO, con oltre 1000 canzoni scritte nella sua carriera, 20 album all’attivo, tante canzoni di successo scritte per altri, da Ornella Vanoni («La musica è finita» e «Una ragione di più»), a Mia Martini (il popolare «Minuetto» è suo), da Bruno Martino («E la chiamano estate») a Fred Bongusto («Questo nostro grande amore»), si è conquistato un posto fisso nella storia della canzone. La «Storia della canzone romana» lo cita quale più grande autore vivente per «aver scritto le più belle pagine della canzone dialettale romanesca».

GIGI FINIZIO ha esordito componendo e cantando una canzone all’età di cinque anni. Avviato subito allo studio del pianoforte, a nove superò l’esame SIAE. Compare anche in televisione nelle trasmissioni “Argento e oro” e “Tandem” e durante il Carnevale di Viareggio. Negli anni ’90 ottiene il suo primo contratto discografico con la Fonit Cetra. Nel novembre ’94 partecipa alla selezione di Sanremo Giovani con la canzone “Scacco matto”, classificandosi al 1º posto nella sezione cantautori. L’anno successivo arriva la partecipazione al 45º Festival di Sanremo nella sezione Giovani con il brano “Lo Specchio Dei Pensieri” dove ottiene il 3º posto. In quel periodo la Fonit Cetra pubblica l’album con lo stesso titolo del brano sanremese e Pippo Baudo lo invita a Sanremo Top. In quell’occasione duetta dal vivo con Giorgia nella canzone “Io te vurria vasà” diretti dall’orchestra del Maestro Caruso. Seguono centinaia di concerti in Italia. La sua seconda partecipazione al Festival di Sanremo lo vede impegnato con la canzone “Solo Lei”, arrivata al 17° posto. Nel marzo 2006 partecipa al Festival di Sanremo insieme ai “Ragazzi di Scampia” con il singolo “Musica e Speranza”, arrivando 3° nella sezione “Gruppi”. Non furono dello stesso parere gli organizzatori del Festival di Sanremo, visto che chiesero a Finizio di cambiare il testo della canzone dal napoletano all’italiano per motivi di “incomprensione linguistica” per gli spettatori. Il suo penultimo album si intitola “Musica e speranza”, che comprende tra l’altro i pezzi “Gli amori veri”, “La Magia del vento”, “Come stai”. Nei suoi live, nei suoi album e nelle partecipazioni in tv, Finizio partecipa a numerosissimi duetti. Ricordiamo quelli con Claudio BaglioniLucio DallaSal da VinciGigi D’AlessioMonica SarnelliNino D’AngeloRagazzi di ScampiaPaola FolliGiorgiaPino Daniele. A fine 2010 è uscito il singolo “Regalarti l’anima” e successivamente viene pubblicato l’omonimo cd che rimane varie settimane in classifica, estratto da questo album “E tu mi manchi”, un brano scritto e cantato da Francesco Calabrese che Gigi Finizio interpreta in modo straordinario. A maggio 2011, dopo lo straordinario successo del concerto “Adesso… Più che posso” all’Acciaieria Sonora di Napoli, con 10.000 presenze, viene pubblicato un doppio cd audio e video “Più che posso Live”, con le immagini riprese durante il live; resta per sei settimane nella classifica FIMI tra i dischi più venduti. Il lavoro discografico contiene “Più che posso” e “Basterebbe”.

Una carriera lunghissima quella di EDUARDO DE CRESCENZO, che inizia a soli cinque anni quando debutta come fisarmonicista al Teatro Argentina di Roma e già inizia gli studi di musica classica. Compositore, musicista, fisarmonicista e una “voce che suona”: potente, duttile, ritmica, inconfondibile ma, più di tutto, con una carica emozionale contagiosa. Un repertorio vastissimo il suo, accumulato negli anni con punte di grande popolarità – «Ancora», «L’odore del mare», «Mani», «E la musica va» – e altri straordinari acquerelli mai sbiaditi dal tempo – «Il racconto della sera», «C’è il sole», «Sarà così», «Amico che voli», «Dove c’è il mare» – che raccontano progressivamente la capacità di questo artista di attraversare i tempi e le mode, di rinnovarsi continuamente senza mai spezzare il filo conduttore della sua personalità. Un repertorio che si rinnova a ogni esecuzione perché De Crescenzo è innanzitutto “live”.

Ritorna a calcare i palcoscenici delle principali città italiane una interprete dalla vocalità e dal fascino unici, una icona che per stile e personalità ha lasciato, e continua a lasciare, un segno indelebile nell’immaginario collettivo. Con “Oxa HistoryANNA OXA è nuovamente protagonista con una tournée che ripercorre i momenti più emozionanti di una carriera sbalorditiva, fatta di numeri impressionanti: 23 album a suo nome, da “Oxanna” a “Proxima”; 14 partecipazioni, 1 conduzione e ben 2 vittorie al “Festival di Sanremo”; 14 partecipazioni al “Festivalbar”, 2 conduzioni di “Fantastico” su Rai 1. Numeri che parlano da soli, che danno l’idea della cifra artistica della cantante e di una vita musicale intensa, costellata di collaborazioni con i più grandi nomi della canzone italiana: da Giorgio Gaber a Rino Gaetano, da Fausto Leali a Fabio Concato, da Lucio Dalla a Ivano Fossati.

Un concerto ricco di emozioni, quello di MICHELE ZARRILLO, che prosegue la tournée teatrale del nuovo album, “Unici al Mondo” (pubblicato da Sony Music): un tour che continua a registrare consensi da parte di pubblico e critica, segno evidente dell’amore del pubblico per un cantautore che predilige da sempre il “live” – viste le sue qualità di musicista e compositore – nel quale proporre gran parte del suo repertorio indimenticabili canzoni (da “Cinque giorni” e “Una rosa blu” a “La notte dei pensieri” e “L’elefante e la farfalla”; da “Il canto del mare” e “Strade di Roma” a “L’amore vuole amore” e “L’acrobata”, per citare solo alcuni dei titoli più conosciuti). In più di due ore di concerto, Zarrillo “si racconterà al pubblico” e – tra le novità – ci saranno diversi medley dedicati alle “hit”: “vari angolini”, come il definisce l’artista, ripescando “brani della mia carriera utili all’idea di scaletta che ho previsto per questo tour, e che, in alcuni casi, era da un po’ di tempo che non suonavo dal vivo. Infatti, la forza del concerto sarà il far convivere i brani del nuovo album con quelli di maggior successo del mio percorso artistico”.

Molto più di una carriera discografica quella di GINO PAOLI che ha scritto alcune tra le più belle pagine della musica italiana. Originario di Monfalcone, è a Genova – dove si è trasferito da bambino – che l’artista, dopo aver fatto il facchino, il grafico pubblicitario e il pittore, debutta come cantante da balera, per poi formare una band musicale con gli amici Luigi Tenco e Bruno Lauzi. Quando la gloriosa casa discografica Ricordi, che aveva tenuto a battesimo Bellini e Donizetti, Verdi e Puccini, decise di estendere la propria attività alla musica leggera, scritturò questo cantante dalla strana voce miagolante, oggi riconosciuto come uno dei più grandi rappresentanti della musica leggera italiana degli anni Sessanta e Settanta. Ha scritto e interpretato brani quali «Il cielo in una stanza», «La gatta», «Senza fine», «Sapore di sale», «Una lunga storia d’amore», «Quattro amici»;ha partecipato a numerose edizioni del Festival di Sanremo, ha collaborato con numerosi colleghi alla realizzazione di album e singoli di successo, composto musiche per colonne sonore di film e nel 2011 si esibito sul palco del Concerto del Primo Maggio con una originalissima interpretazione di «Va’ Pensiero» accompagnato dall’orchestra La Sinfonietta.

Infoline e prevendite: 0773/414521

www.ventidieci.it ; info@ventidieci.it 

http://www.facebook.com/ventidiecisrl

https: @Ventidieci2010

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.