RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Prima edizione per il ‘Rieti Guitar Festival’

Più informazioni su

È alla sua prima edizione il ‘Rieti Guitar Festival’, in programma nella città laziale dall’1 al 4 settembre. La rassegna propone un calendario ricco di appuntamenti ed è un’occasione per musicisti, maestri ed insegnanti, cultori ed appassionati, curatori, musicologi e produttori, di fare musica insieme, confrontandosi con le istanze dei giovani, l’alta formazione e gli esiti occupazionali. Il Teatro Flavio Vespasiano e l’Auditorium di Santa Scolastica ospiteranno concerti, masterclass di chitarra e di liuteria, interviste agli artisti condotte dagli allievi, un convegno sulla formazione musicale e sulla riforma dei conservatori, una conferenza sulle tecniche costruttive delle chitarre, una mostra di liuteria e il Concorso per chitarristi ‘Città di Rietì, che darà riconoscimento ai migliori allievi. Il Festival vedrà la partecipazione di stelle internazionali della chitarra (dalla classica al jazz), come il francese Roland Dyens, lo statunitense Ralph Towner e lo spagnolo Carles Pons. A loro si affiancheranno icone italiane ed autorevoli Maestri di Conservatorio che alterneranno il flamenco al rock, il pop al liuto e al fingerstyle. Tra gli altri, Carlo Carfagna, Massimo Delle Cese, Giovanni Grano, Francesco Russo, Riccardo Rocchi, Michi Piperno e Sabino De Bari.

«L’organizzazione di un Festival internazionale di chitarra è una grande sfida. Una sfida avvincente, capace di coinvolgermi con entusiasmo ed in maniera totale -spiega il direttore artistico Roberto Fabbri- Questa sfida avviene ormai da più di venti anni, da quando organizzai il mio primo festival di chitarra nel 1989». Tra gli appuntamenti in programma, il 3 settembre alle 20.30 al Teatro Flavio Vespasiano, Roberto Fabbri e il ‘Rf Guitar Quartet’ si esibiscono con ‘No Words’ Tour’, il nuovo album del musicista romano. Con 12 composizioni inedite, dieci per chitarra sola e due con il suo quartetto di chitarre,’No Words’ è un ‘racconto senza parolè, che passa semplicemente attraverso il suono delle corde della chitarra di Fabbri e che si nutre delle atmosfere dei concerti tenuti dal chitarrista romano in tutto il mondo durante il tour di presentazione del precedente lavoro,’Beyond’.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.