RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Romaeuropa Festival, Music for Solaris il 20 novembre al Parco della Musica

Più informazioni su

ben_frostUn cult della fantascienza ispira tre giganti della sperimentazione elettronica: Music for Solaris è il concerto per musica e immagini nato dalla collaborazione di Ben Frost e Daníel Bjarnason con Brian Eno, presentato dal Romaeuropa Festival 2016 con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in data unica domenica 20 Novembre all’Auditorium Parco della Musica.

Celebre film di Andrej Tarkovskij a sua volta basato sull’omonimo romanzo di uno scrittore visionario come Stanisław Lem, Solaris è il punto di partenza dal quale l’australiano Ben Frost, uno dei più incredibili talenti e degli indiscussi protagonisti della scena elettronica contemporanea – capace di spaziare dal minimalismo classico al punk rock e al post-industrial – e Daníel Bjarnason, compositore versatile che può vantare collaborazioni con le orchestre più prestigiose e con artisti del calibro di Sigur Rós, costruiscono una inedita partitura sonora coadiuvati dalle idee e dagli interventi video realizzati appositamente da Brian Eno e Nick Robertson.

Il viaggio dello psicologo Kris Kelvin, protagonista del film, diviene, nella mani di questa crew, un percorso nella psiche umana quasi a porre l’accento su quella volontà di Tarkovskij di eliminare il più possibile dal suo film gli elementi caratteristici del genere fantascientifico, e creare un paesaggio familiare, immediatamente riconoscibile dallo spettatore. I primi piani dei protagonisti di Solaris e alcuni immagini del film, manipolate nei video di Eno fino a diventare astratte macchie di colore, accompagnano l’esecuzione musicale di Frost (chitarra elettronica e laptop), Bjarnason (direzione orchestrale e piano preparato) e, per l’occasione, dell’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia dando vita ad un’opera fluida e multimediale che invita lo spettatore ad attraversare la propria memoria, a sondare gli aspetti più reconditi della propria immaginazione o ad immergersi nel suono come fosse in quell’oceano gelatinoso e misterioso che avvolge il pianeta Solaris. Perché, come titola il primo brano di Music for Solaris, l’anomino album pubblicato da Frost, “non abbiamo bisogno di nuovi mondi, ma di specchi”.

In occasione del concerto, il 20 Novembre, la sala Santa Cecilia ospiterà tra il pubblico alcune detenute del carcere di Rebibbia accompagnate dal Vice Sindaco Daniele Frongia e dalla Direttrice della casa circondariale femminilie di Rebibbia, Ida Del Grosso. Un’iniziativa, accolta dalla Fondazione Romaeuropa, che s’inserisce nell’ambito dell’attuale progettualità della presente amministrazione puntando all’inclusione sociale anche attraverso un percorso di reinserimento dei detenuti nella società con attività di volontariato a beneficio della città e ad una più ampia parecipazione alla vita culturale romana.

BEN FROST | DANÍEL BJARNASON

ORCHESTRA DELL’ACCADEMIA NAZIONALE DI SANTA CECILIA

CON I VIDEO DI BRIAN ENO E NICK ROBERTSON

Music for Solaris

Domenica 20 novembre, ore 19 | Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

ore 18  | Music Insid(i)e

incontro con il musicologo Ennio Speranza, a cura di Nuova Consonanza

 

LINK EVENTO https://www.facebook.com/events/281839935531567/

 

Musica Ben Frost, Daníel Bjarnason

Esecuzione dal vivo Ben Frost, Daníel Bjarnason, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Video Brian Eno, Nick Robertson

Coproduzione Romaeuropa Festival 2016 e Accademia Nazionale di Santa Cecilia

 

Music for Solaris

domenica h 19 | da € 19 a € 40

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia
www.romaeuropa.net

Pagina Facebook: Facebook.com/Romaeuropa

Twitter: @Romaeuropa #REF16

Info e biglietteria

Tel. 06 45 55 30 50/51, email promozione@romaeuropa.net

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.