RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

SCOUT NIBLETT al Circolo Degli Artisti domenica 17 Novembre per Wi-Fi Art

Più informazioni su

DOMENICA 17 NOVEMBRE

Wi-Fi Art

presenta

SCOUT NIBLETT

opening act

Hilo

expo

RHODE ISLAND SCHOOL OF DESIGN EUROPEAN HONORS PROGRAM & TEMPLE

porte

19:00

concerti

22:00

ingresso libero

@ CIRCOLO DEGLI ARTISTI

Via Casilina Vecchia 42 – Roma

06 70305684; info@circoloartisti.it

 

SCOUT NIBLETT

Emma Louise Niblett (nata il 29 September 1973), meglio nota col nome Scout Niblett, è una cantante, cantautrice e polistrumentista inglese. Niblett ha debuttato nel 2001 con l’album Sweet Heart Fever e ha realizzato altri 4 album nei successivi nove anni, collaborando con artisti del calibro di Steve Albini, Chris Saligoe, Will Oldham e Kristian Goddard e affermandosi come una delle autrici più ispirate, viscerali e significative della sua generazione.

“It’s Up To Emma” colpisce per lo stile crudo, aggressivo, senza filtri e mediazioni ed esprime quella visceralità diretta che caratterizza tutti i lavori della Niblett.

Di origini inglesi, ma di base a Portland, questa cantante produce ora uno dei meno rassicuranti break-up album degli ultimi tempi: devastante, ma senza la dolcezza della nostalgia. È guardare un incendio, è buttare giù le mura di un appartamento, con il dolore delle schegge conficcate nel palmo della mano, è comprare una pistola per uccidere il proprio amore (“Gun”). Ma ancora di più: è la fine che non lascia la possibilità di aggiustare le cose, “It’s up to Emma” è doloroso come sopravvivere alla distruzione e capire che alla fine si andrà anche avanti. You took your love away from me | and I am thankful, everyday, dice nella prima traccia, You can’t fool me for too long in quella successiva, anzi we fool ourselves for too long, che è probabilmente peggio. È questo il problema, sopravvivere agli edifici fino a vederli diventare rovine, vedere che le relazioni vanno avanti senza significare altro, che le persone tornano, ma forse non vuol dire niente. Che forse il peggio non è farsi distruggere, è non provare più niente. Di questo parla “It’s up to Emma”, suonando a metà strada tra le Pj Harvey e Cat Power degli anni ‘90, quelle di “To bring you my love” o “Rid of me” e “Myra Lee”. Intanto Pj Harvey e Cat Power hanno spostato le loro sonorità altrove, mentre Scout (il nome viene da “Il buio oltre la siepe”) ci ricorda una stagione che forse non è mai passata.

A metà del disco appare poi una cover bellissima di “No scrubs” delle TLC, minimale e dolorosa – con il suo No, I don’t want your number | I don’t wanna give you mine | I don’t wanna meet you no-where | I don’t wanna waste my time, che si afferma come uno dei brani migliori dell’album.

HILO

HILO è il progetto solista di Antonio Canestri.

Classe 1986, toscano, Antonio ha militato negli ultimi dieci anni in varie band di estrazione punk, rock ed hardcore della provincia livornese come “Mickey Kills Sushi”, “The Bargain & The Thief” e “Maraiton”.

Fonda HILO nel 2010, ma decide di dare concretezza al progetto soltanto nel dicembre del 2012 quando, insieme a Samuele Capaccioli (bassista e chitarrista per “Mafalda Strasse” e “Maraiton”), inizia a registrare il suo primo EP “Not a city, not a name”.

Per “Not a city, not a name EP” Antonio si è avvalso della collaborazione di alcuni giovani musicisti della provincia livornese come Davide Lelli (ex “L’Orso” ed attuale trombettista dei milanesi “The Please”) e Davide Crescenzi. Il mastering è stato curato da Luca Piazza (bassista e produttore dei “The Please”) presso lo Zen Garden Studio di Cassano D’Adda (Mi). Il disco è scaricabile in free download, con l’opzione di “Make your price”, sul Bandcamp ufficiale della band.

http://www.scoutniblett.com

http://hiloofficial.bandcamp.com/

http://www.circoloartisti.it

http://www.facebook.com/circolodegliartisti

Più informazioni su