RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Sere d’arte: Il 27 luglio Bach a Castel Sant’Angelo

Roma – Continuano con successo gli appuntamenti di Sere D’Arte, la rassegna curata da Cristina Farnetti dedicata alla musica classica e barocca con incursioni nel moderno e contemporaneo che prende vita tra le mura di Castel Sant’Angelo nell’ambito di ArtCity 2018, la programmazione del Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli.

Venerdì 27 luglio la splendida Sala della Biblioteca ospiterà il Maestro Rinaldo Alessandrini, interprete al clavicembalo di unprogramma antologico dedicato a Bach.

Direttore di Concerto Italiano e direttore ospite delle più importanti orchestre barocche e non in Europa, America e Giappone, Alessandrini torna in veste da solista a Castel Sant’Angelo dopo lo straordinario successo del suo concerto monteverdiano dello scorso anno.

Il Maestro eseguirà un programma organico che affianca composizioni brevi concepite talvolta a scopo didattico, come le Invenzioni e i Preludi e Fuga tratti dal Clavicembalo ben temperato, a opere di più ampio respiro, un omaggio ai due stili allora in voga: la prima delle sei Suites francesi, e una sonata in stile italiano originariamente per violino nella trascrizione del figlio Wilhelm Friedman.

Il giorno precedente al concerto di Alessandrini, giovedì 26 luglio, inaugura nella doppia sede di Castel Sant’Angelo e Palazzo Venezia “Armi e potere nell’Europa del Rinascimento”, mostra dedicata al mondo delle armi in età rinascimentale.

La mostra, così come la rassegna Sere D’Arte, si aggiunge alle tante iniziative del Polo Museale del Lazio per la valorizzazione di Castel Sant’ Angelo, come la creazione di nuovi percorsi di visita, il restauro degli strumenti musicali qui conservati e quello delle Olearie di Urbano VIII, appena restaurate e visitabili per la prima volta.

Sere D’Arte si inserisce nell’ambito di ArtCity 2018, la programmazione del Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli che da giugno a settembre offre ai cittadini della Capitale e ai tanti turisti in visita nel nostro Paese oltre 150 iniziative, fra arte, architettura, letteratura, musica, teatro, danza e audiovisivo nei luoghi più belli del patrimonio storico artistico e archeologico del territorio laziale e che nella scorsa edizone ha registrato complessivamente quasi 600.000 presenze.