“Suoni nell’etere, 100 anni di musica e radio”: il viaggio tra musica e artisti dell’ultimo secolo nel libro di Simone Fattori

Più informazioni su

Cos’hanno in comune “What’s Going On” di Marvin Gaye, “Bohemian Rhapsody “dei Queen e “Creep” dei Radiohead?

Sono brani fondamentali nella storia della musica, ma non avrebbero avuto futuro se tre diversi deejay non se ne fossero innamorati e non li avessero inseriti a ripetizione nei loro programmi radiofonici. Di casi analoghi è piena la storia della musica e numerosi artisti devono molto alle radio. E, allo stesso modo, dischi e generi musicali hanno decretato il successo di radio e deejay.

“Suoni nell’etere” analizza lo stretto rapporto che da 100 anni intercorre tra le radio e la musica, sono inoltre raccolte le storie delle emittenti radiofoniche, delle evoluzioni tecnologiche e legislative, delle voci più celebri e delle canzoni. Tutto in un immenso caleidoscopio che costituisce l’infinita avventura delle radio e della musica.

Quello della radio è un ruolo fondamentale per la diffusione della musica. “Suoni nell’etere” analizza il rapporto tra radio e musica e allo stesso tempo ripercorre la storia dell’emittenza, dall’esperienza del Titanic sino alle ultime novità tecnologiche.

Il libro contiene interviste esclusive a Renzo Arbore, Claudio Cecchetto e Linus. Prefazione di Enrico Menduni e postfazione di Massimo Cotto. “Suoni nell’etere” è strutturato come delle trasmissioni radiofoniche, con le sigle, i “blocchi” suddivisi dalle interruzioni pubblicitarie e, naturalmente, la musica. Ogni “blocco” inizia con un QR Code che indirizza a una specifica playlist di You Tube per accompagnare la lettura del libro.

L’autore del libro, Simone Fattori, è un giornalista e blogger romano. Ha cominciato giovanissimo a frequentare il mondo della radio, prima in veste di conduttore in numerose emittenti locali, poi come collaboratore di Radio 24 e, successivamente, giornalista e ufficio stampa musicale.Dopo la laurea in Sociologia, con specializzazione in comunicazione, e una tesi sulla radio, ha lavorato presso RNA-Radio Nazionali Associate e, in seguito, nella comunicazione istituzionale.

Più informazioni su