RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Teatro Quirino, la ‘Favola’ proposta da Filippo Timi

Più informazioni su

Non può essere altro che una ‘Favola’ quella proposta da Filippo Timi, autore del testo e regista della commedia surreale che propone da protagonista in abiti femminili al teatro Quirino di Roma e che ieri sera ha aperto il sipario per la ‘primà, prodotta dal Parenti di Milano, dove tornerà a dicembre. L’attore perugino è affiancato sulla scena da Lucia Mascino, nei panni dell’amica del cuore e complice dell’epilogo finale con omicidio e fuga, mentre il giovane Luca Pignagnoli si fa letteralmente in tre, nell’interpretare tre gemelli che più diversi non potrebbero essere: un ballerino, un latin-lover e un complessato. La ‘storià, sospesa fra l’onirico e il surreale ma con risvolti psicologici ben marcati e realissimi, narra di due mogli moralmente inappuntabili, vittime delle violenze, delle trascuratezze e dei tradimenti dei rispettivi mariti, che intravedono nell’eliminazione fisica del proprio partner l’unica via di fuga che possa garantire loro una seconda, ‘pienà vita; una ‘soluzione finalè resa più facile dalla metamorfosi della protagonista, in dolce attesa, che si ritrova improvvisamente dotata di attributi maschili. Confessa Timi-Mrs Fairytale all’amica, nel dialogo-chiave dell’opera: «Ogni uomo è una trappola; alcuni sono trappole taglienti, altri sono pozzi vuoti, altri ancora sono meravigliosi come un veleno irresistibile. Ma di base – avverte profeticamente – l’uomo ha l’omicidio del cuore». E l’altra donna, di rimando: «Hai ragione, dobbiamo fare qualcosa: rischiamo di vivere una vita, per la pietà di fare felice qualcuno che non siamo noi». Qui si inserisce prepotentemente il tema del male e della cattiveria: «Non voglio più essere un pronto soccorso – esclama Filippo Timi, già prefigurando psicologicamente la sua prossima trasformazione fisica – Dobbiamo imparare a essere cattive: devo insegnare a mio figlio a essere non dico malvagio ma almeno cattivo, quel tanto che basta per pretendere di essere felice».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.