RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Triangolare del Ricordo, trionfa la “Fiumana”. Foto foto

Più informazioni su

 Sono entrate in campo a Roma, nella cornice dello Stadio Flaminio concesso dal CONI per l’occasione, le tre grandi squadre che hanno fatto la storia del calcio giuliano e dalmato nel Novecento, il “Grion Pola”, la “Fiumana” e il “Dalmazia”, fucine tutte di indimenticati campioni che hanno onorato gli autentici valori dello sport e il nome di tante società italiane, dal «Grande Torino» alla Juventus, dal Milan alla Roma, dalla Fiorentina alla Lazio. E con loro, negli intervalli delle partite, sono stati insigniti del Premio «Giorno del Ricordo» gli sportivi che, nelle diverse discipline, hanno portato nel mondo, dopo l’esodo, il nome della Venezia Giulia e della Dalmazia italiane. Commentatore d’eccezione dell’evento – promosso ed organizzato dalla Presidenza nazionale e da ANVGD Giovani e posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica – Bruno Pizzul, la “voce” per eccellenza del calcio, che ha accolto prontamente l’invito a presenziare, colpito molto – ha detto dabordo campo al folto pubblico – dalla testimonianza resa dagli Esuli e dai discendenti di seconda e terzagenerazione a tanti decenni dagli eventi del dopoguerra. Ed ha voluto ricordare anche un’altra squadra giuliana scomparsa con la cessione di quei territori all’ex Jugoslavia, l’“Ampelea” di Isola d’Istria, unica squadra dei territori perduti a giocare in una serie nazionale sino al 1955 con il nome di “Isola”. A presentare la serata è stato con competenza e professionalità Matteo Vespasiani, speaker ufficiale della Roma Calcio. Accolti dunque dagli applausi e dalla composta commozione di 2.000 spettatori, hanno sfilato i tre vessilli dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia, alfieri i rappresentanti giovanili dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, guidati da Pietro Cerlienco e preceduti dalla Banda del Corpo della Polizia Municipale di Roma Capitale che ha aperto la manifestazione con l’esecuzione dell’Inno nazionale. Hanno  voluto essere presenti, in rappresentanza del Governo, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio on. Carlo Giovanardi e il Sottosegretario agli Affari Esteri on. Alfredo Mantica. E commozione ha espresso il presidente nazionale ANVGD, Lucio Toth, nel suo saluto ai partecipanti: le bandiere d’Istria, Fiume e Dalmazia – ha sottolineato – rappresentano secoli di storia, di passioni, di sentimenti, che giungono intatti sino a noi. Così si è espresso anche il dalmato Sergio Vatta, storico allenatore delle nazionali giovanili italiane, che intervistato da Pizzul ha rimarcato la presenza, allo Stadio Flaminio, di giovani discendenti provenienti da altri Continenti e Paesi, dal Canada come dall’Argentina, dagli Stati Uniti come dal Sudafrica, dalla Svizzera come dagli Stati Uniti: un dato che ben rappresenta le dimensioni di quello che fu l’esodo della popolazione italiana nel 1947, i cui figli e nipoti hanno aderito con entusiasmo e orgoglio all’inedita competizione.  Si sono sfidati per primi il “Grion Pola” e il “Dalmazia”, allenati rispettivamente da Lucio Mujesan (secondo allenatore Luigi Silli) e da Pierluigi Pizzaballa (secondo allenatore Giacomo Losi). Una partita equilibrata e costruita su azioni molto ragionate (grazie anche alla presenza nelle file dalmate dell’ex Lazio Paolo Negro), terminata in parità 1 a 1 e risolta ai rigori con la vittoria del “Grion” per 6 a 5. Da rilevare la presenza, nel “Grion” dell’unica donna calciatrice, Cristina Perini (ex “Arsenal” femminile, oggi residente in Canada) che si è distinta nel ruolo di difesa. Al termine dell’incontro Alberto Bollini, in rappresentanza della S.S. Lazio, ha consegnato al presidente ANVGD Toth il gagliardetto della squadra biancoceleste e un pallone firmato dai giocatori. La successiva partita ha visto in campo il “Dalmazia” con la “Fiumana”, quest’ultima allenata da Sergio Vatta (secondo allenatore Aldo Kregar) e qui il ritmo è decisamente salito grazie al bel gioco impresso dalla “Fiumana”, che ha dimostrato di avere un saldo schema di gioco e considerevole continuità di pressing sull’avversaria, che pure si è ben battuta: ciò nonostante la compagine fiumana ha insaccato due successivi bei goal vincendo tra gli applausi dei suoi sostenitori con un 3 a 1. Il terzo ed ultimo confronto ha confermato nella competizione con il “Grion” l’ottima prestazione della squadra di Vatta: una partita che ha visto il predominio tattico ed atletico della “Fiumana” sigillato dal risultato finale di 4 a 0. Alla squadra del Quarnero è andato dunque il Trofeo Triangolare del Ricordo, consegnato dal presidente nazionale ANVGD Lucio Toth e dal Sindaco del Libero Comune di Fiume in Esilio Guido Brazzoduro. Gli altri riconoscimenti sono andati a: Riccardo Ferrari Cupilli (“Dalmazia”) Premio Fair Play del Senato della Repubblica, consegnato da Giorgio Sandri, presidente della Fondazione Gabriele Sandri; a Stefano Battioni (“Grion Pola”) quale miglior portiere la Coppa Legea, consegnata da Legea Point di Roma; ad Alessandro Sirotich (“Fiumana”) quale migliore in campo la Coppa della Camera dei Deputati, consegnatagli dall’on. Giuseppe Carlino, vicecapo di Gabinetto del Ministro della Gioventù on. Giorgia Meloni. Il particolare e storico legame tra gli Esuli giuliano-dalmati e le Forze Armate è stato sottolineato dall’omaggio donato dal presidente nazionale ANVGD Toth al Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito, Domenico Rossi, il quale ha ricambiato con la consegna del crest dello Stato Maggiore della Difesa, ricordando le origini fiumane di sua madre. La giocatrice Cristina Perini a nome del Governo del Canada ha consegnato ai Sottosegretari Giovanardi e Mantica il «dollaro d’argento», a significare l’amicizia tra i due Paesi legati anche dalla diaspora giuliano-dalmata del dopoguerra. Infine ai tre capitani delle squadre – Cristina Perini per il “Grion Pola”, Fabio Cvetnich Margarit per la “Fiumana” e Riccardo Ferrari Cupilli per il “Dalmazia” – sono andate le targhe offerte dall’Associazione “Vecchie glorie di Roma e Lazio” e consegnate dal presidente Gaetano Camillo e dal segretario generale Paolo Colucci.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.