RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Venerdì 12 Settembre i Blouse al Circolo Degli Artisti

Più informazioni su

VENERDI’ 12 SETTEMBRE

BLOUSE

a seguire

Glamda

porte/botteghino

21:00

concerti

21:30

ingresso

5 euro

Blouse

Blouse

BLOUSE

La band di Portland ha esordito nel 2011 per Captured Tracks e si è inserita sulla scia di un pop sbilenco e nostalgico, tra reminiscenze wave, dream-pop e soluzioni sintetiche glo-fi.

Nel secondo album “Imperium” del 2013. la voce retrò della magnetica Charlie Hilton è accompagnata da un suono più caldo e vivo. Merito del polistrumentista e produttore Jacob Portrait (membro anche degli Unknown Mortal Orchestra) e del bassista Patrick Adams che hanno dato un fascino più analogico all’affascinante proposta musicale dei Blouse.

IMPERIUM

No Shelter, il primo singolo estratto, già ci aveva avvertito: “the clouds are different this time”. I Blouse di Imperium sono, infatti, dei “nuovi Blouse”, privi di sintetizzatori e con in mano soltanto “instruments that don’t plug into the wall”, controcorrente rispetto ai compagni di etichetta Wild Nothing e Minks. Li ritroviamo, di colpo, fuori dal pop di chiaro stampo 80s, a ridiscutere i 90s di Lush, Galaxie 500 e Pixies col bagaglio culturale di psichedelia 70s messo sul tavolo da Jacob Portrait, appendice che condividono con gli Unknown Mortal Orchestra.

La band di Portland, per effetto della transizione, perde ovviamente qualcosa. In particolare, i singoli spendibili su dancefloor stroboscopici (quale era, ad esempio, Time Travel). Restano, però, le stand-out tracks (su tutte: Capote, con strumming acustico opposto a chitarre fuzzate e goth-tinged a disseppellire l’adorazione per i Cranes) e, comunque, Imperium resta un disco 100% Blouse, nel quale torniamo a rilevare l’elegantissimo alone dreamy, la inappuntabile sezione ritmica incentrata sulle linee di basso di Patrick Adams e la gestione “sperimentale” di effettistica e mixaggio che già avevamo acclamato sul debutto omonimo del 2011.

Il filo narrativo tra i brani, poi, si rafforza, l’esposizione si fa più diretta (e memorabile), con Charlie Hilton che, attorniata dalle maggiori essenzialità strumentali di cui si è detto, può adoperare le vocalità alla Nico di cui dispone anche oltre i classici languori distaccati, esplorare dinamicamente tutti i sensi, controsensi e ruoli dell’imperio contestualizzato nelle relazioni amorose (fulcro della sua poetica, assieme alle paradossali fascinazioni per la mortalità che erano del 7” Shadow e qui sono di 1000 Years) e fare, infine, di questo sophomore una sorta di concept album-non concept album.

Imperium, peraltro, viene lasciato aperto, in to be continued cinematografico, quasi a riattestare il desiderio ultimo dei Blouse di vedere la propria musica assurgere allo status di colonna sonora (di lungometraggi sceneggiati à la Charlie Kaufman, diremmo noi). Vi sono, ora, un passo più vicini. (sentireascoltare)

 

CIRCOLO DEGLI ARTISTI

Via Casilina Vecchia 42 – Roma

06 70305684; info@circoloartisti.it

 

http://www.blouseblouse.com

https://www.facebook.com/bblouse

http://www.circoloartisti.it

http://www.facebook.com/circolodegliartisti

Più informazioni su