RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Bozzi: Municipio X, scuole senza strisce pedonali ne Vigili

Roma – “Nell’odierna commissione Scuola la Polizia Locale del Gruppo X Mare ci ha spiegato che a inizio anno scolastico non potranno presidiare alcun attraversamento pedonale davanti alle nostre 80 scuola circa, per scarsita’ di organico. Era prevedibile, visto che dei 350 Vigili neo assunti da Roma, noi ne abbiamo avuto soltanto 18, assai meno di tutti gli altri Municipi di Roma”. Cosi’ in una nota Andrea Bozzi, capogruppo delle liste civiche “Ora” e “Un Sogno Comune” in Municipio X.

“Nella stessa commissione gli Uffici municipali ci hanno poi spiegato che la meta’ delle scuole, circa 40, non hanno segnaletica orizzontale adeguata ed hanno quindi attraversamenti pericolosi. Ma al momento non ci sono fondi per intervenire, perche’ sono finiti- spiega Bozzi- Aspettiamo il bando da 200mila euro che partira’ forse tra un mese, ma consapevoli che quelli saranno pero’ gli unici fondi per il 2018. E per rifare una segnaletica adeguata per tutte le scuole servirebbero circa 100mila euro, cioe’ la meta’ dei fondi che dovrebbero servire pero’ alla segnaletica orizzontale per tutto il Municipio, fino ai primi mesi del 2019”.

“La situazione e’ percio’ critica. Ho proposto di stilare una priorita’ di attraversamenti pericolosi nei pressi delle nostre scuole e di agire, appena avremo i fondi, almeno su quelle, visto che la coperta e’ molto piu che corta- continua Bozzi- Soltanto il Campidoglio puo’ aiutarci predisponendo intanto piu’ fondi per il prossimo bilancio, quelli adeguati a rendere almeno ai limiti della sicurezza un territorio vasto e trafficato come il nostro”.

“E poi intervenendo immediatamente verso il comandante della Polizia Locale per dotarci di altri agenti. Purtroppo la maggioranza a cinquestelle in Municipio boccio’ la mia mozione che ne chiedeva almeno una trentina, perche’ ci avrebbero pensato loro- conclude Bozzi- Ma temo che ora, a fine estate, anche loro abbiano capito bene che non si possono fare le nozze con i fichi secchi e che se il Campidoglio non interverra’ saranno i primi a doverne rispondere ai cittadini che li hanno eletti”.