RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Municipio III. Torquati (PD): “Caudo e Ilari, ottime proposte”

Più informazioni su

Municipio III – “Sono certo che le candidature di Paola Ilari e di Giovanni Caudo abbiano entrambe il giusto profilo per concorrere a Primarie territoriali che indichino un percorso solido e largo fino alle elezioni municipali di Giugno. Le Primarie rafforzano le singole candidature, garantiscono unità e pongono le basi per un progetto comune che coinvolge tutte le anime che sono in campo in questa competizione elettorale: dal Pd alle altre forze del centrosinistra, fino ai movimenti civici e del volontariato”.

Cosi in una nota Daniele Torquati, membro dell’assemblea romana e nazionale del PD e della Segreteria del Pd Roma

“Tutti noi abbiamo bisogno di questo per tornare ad essere incisivi nella proposta alla città e nell’opposizione al governo 5 Stelle di Roma. Primarie larghe e dal respiro ampio non sono una diminutio per i singoli candidati, ma la dimostrazione semmai della possibilità di costruire un percorso comune che rispetti gli organismi dirigenti dei singoli partiti e tenga conto del mondo civico che soprattutto in momenti difficili ha voglia di partecipare e dare una mano.

In campo c’è il destino di un Municipio romano importante che, grazie alle opposizioni e al coraggio del nostro gruppo consiliare municipale, è stato tolto a chi non era in grado di amministrarlo. Non torni in quelle mani. Sono stato il primo, in questa occasione come anche nel 2016 alla vigilia del voto romano, a riconoscere nelle Primarie il miglior strumento di sintesi che abbiamo oggi a disposizione.

Non é tempo di avere paura. É tempo semmai di trovare tutta la volontà del caso per un candidato che sappia interpretare meglio un territorio, includendo forze politiche ed energie locali ingannate e offese dalla protervia di una classe dirigente a 5 Stelle impreparata ed arrogante. È arrivato il tempo della generosità e delle porte aperte. Giovanni Caudo e Paola Ilari si confrontino in Primarie larghe: c’è una comunità di uomini e donne che aspetta un progetto per il Municipio.

Qualcosa insomma di più intenso e lungimirante delle alchimie dei vertici, delle animosita’ dei Partiti, dello sproloquiare sui social, dei diktat di presunti capi bastone” conclude la nota.

Più informazioni su