Pulcini (V Municipio): “Coronavirus occasione per riflettere”

Roma – Dario Pulcini, Assessore alle Politiche Ambientali del V Municipio, è stato ospite a Radio Cusano Tv Italia nel programma “264 Zoom”, oggi pomeriggio. Intervistato dalla conduttrice Diana Romersi, l’Assessore ha parlato ovviamente dell’emergenza coronavirus e di come il V Municipio sta gestendo questo periodo.

Ad inizio intervista si è parlato della reazione dei cittadini romani: “I romani stanno rispettando le prescrizioni del Governo, a dimostrazione che indigenza e indisciplina, nel secondo Municipio più povero di Roma, non sono assolutamente in relazione, come è stato rappresentato e si rappresenta a volte, tanto da essere un pensiero sedimentato nell’immaginario collettivo. Ovviamente anche i controlli della Polizia sono stati intensificati dato che parliamo di uno dei territori più densamente popolati della città (20.000 ab/kmq). Posso quindi ritenermi orgoglioso del comportamento della stragrande maggioranza degli abitanti del Municipio”.

In risposta al Segretario dei Radicali di Roma, Francesco Mingiardi, che ha accusato la Giunta capitolina di non gestire in maniera centralizzata la crisi, Pulcini ha replicato: “Fare propaganda senza dati reali è di basso livello. Il Municipio sta adottando tutte le misure necessarie in sinergia con il Campidoglio. Se proprio vogliamo fare polemica politica, ci tengo a ricordare che negli ultimi 20 anni il sistema sanitario non è stato più efficiente come era prima del 2001 quando l’OMS aveva detto che il nostro era il secondo apparato sanitario migliore al mondo. Il sistema sanitario italiano oggi, per quanto migliore di tanti altri paesi del mondo, è più debole, meno efficiente, meno economico. I servizi essenziali devono essere e rimanere pubblici, la logica del profitto non è compatibile con questi ultimi. La salute è un diritto costituzionale e va garantito a tutti i cittadini, a prescindere dalle condizioni economiche. Tina Anselmi, primo ministro donna della storia della Repubblica, partigiana, ricevette minacce prima di istituire il Servizio Sanitario Nazionale nel 1978, da parte di chi voleva che la salute rimanesse un business. Era un’Italia diversa che vinse quella battaglia. Le scelte politiche dei precedenti Governi e amministrazioni hanno riportato, negli ultimi 20 anni, il settore della salute in mano al privato trasformando gli ospedali in aziende in una modalità che non è conciliabile con il diritto alla salute. I danni e le mancanze nel sistema sanitario ci sono quindi da anni. Nel 2016 si sono registrati 49.000 morti per infezioni nelle strutture ospedaliere, nel 2003 erano appena 19.000. La sanità in Italia deve tornare ad essere pubblica, solo così può garantire un servizio migliore. Il Governo sta adottando provvedimenti importanti atti a rafforzarlo, stiamo ricevendo una solidarietà internazionale straordinaria: sono quindi fiducioso che presto torneremo gradualmente a vivere la nostra quotidianità senza restrizioni”.

Sulla spesa a domicilio e le difficoltà di comprare beni alimentari riscontrata da alcuni cittadini romani e su come quest’ultimi, soprattutto i più anziani, stiano reagendo alla difficoltà, Pulcini ha detto: “La comunità sta dimostrando una solidarietà meravigliosa. Molti giovani dei nostri quartieri danno supporto agli anziani, così come tanti tassisti e commercianti che hanno promosso iniziative solidali. Molte farmacie del territorio effettuano consegne gratuite a domicilio e c’è tanto supporto psicologico online. I servizi comunali e municipali essenziali sono garantiti, gran parte del bilancio municipale è destinato ai servizi sociali, gli assistenti e gli operatori del settore continuano ad offrire assistenza a chi ne ha bisogno”.

Per quanto riguarda il conferimento dei rifiuti nel periodo della quarantena, l’Assessore, giorni fa, aveva comunicato alla cittadinanza le nuove linee guida, in particolare per chi era risultato positivo al covid-19. Nel corso dell’intervista Pulcini ha ribadito: “Ho pubblicato le prescrizioni date da AMA su come conferire i rifiuti, seguendo le linee guida dell’Istituto di Sanità. Chi è positivo al virus deve mettere tutti i rifiuti in un unico sacchetto dell’indifferenziata, per gli altri la raccolta deve restare invece differenziata”.

Nel corso di “264 Zoom” è stato poi trasmesso un video del Presidente del Municipio Giovanni Boccuzzi che parla della situazione dei mercati rionali e chiede al Presidente della Regione Lazio Zingaretti di ripristinare l’orario dei supermercati che era stato ridotto. A tal proposito, Pulcini ha commentato: “Anche il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha detto che la riduzione degli orari dei negozi quali alimentari, mercati e supermercati non è stata una scelta intelligente e quindi la Regione deve tornare sui suoi passi perché così aumentano gli assembramenti delle persone in fila per comprare il cibo. I sindacati pensavano di tutelare i lavoratori ma li hanno esposti ad un rischio maggiore perché adesso si concentrano più persone nei supermercati. Alcuni mezzi di informazione devono informare in maniera più equilibrata e non con terrore e paura. Anche questa cattiva comunicazione ha causato le file e alcuni disagi fra i cittadini”.

Pulcini ha poi aggiunto: “Bisogna riflettere sulle filiere alimentari. Fino a qualche anno fa eravamo un paese di filiera corta con tantissimi operatori nel settore dell’agricoltura. Un paese che fino a qualche decennio fa era principalmente di contadini e agricoltori, con una distribuzione di filiera corta efficiente, prodotti freschi e di alta qualità (Roma è ancora oggi il più grande comune agricolo d’Europa) oggi si ritrova succube della Grande Distribuzione Organizzata, con prodotti di peggior qualità e non più locali, impoverendo la piccola e media impresa agricola locale. Noi stiamo investendo molto sulla riqualificazione dei mercati anche con nuovo regolamento che mira ad allinearsi con tanti altri paesi europei mettendo al centro le realtà rionali. Abbiamo messo a bando diverse aree per i mercati contadini a km 0 per far trovare i prodotti locali e produzioni attente all’ambiente e alle persone. La filiera alimentare è fondamentale per la sopravvivenza. Stiamo creando nuovi orti urbani e anche i primi apiari pubblici d’Italia per riqualificare e diffondere prodotti genuini in favore dei piccoli e medi agricoltori e commercianti del Municipio”.

La conduttrice ha chiesto poi a Pulcini cosa sta facendo l’Amministrazione in questo periodo di lockdown e cosa è stato fatto fino ad ora, prima dello stop:“Noi siamo attivi già da 3 anni su questo. Abbiamo effettuato la manutenzione di molti parchi e delle scuole portando a compimento lavori che erano attesi da decenni. Abbiamo avviato un monitoraggio sulle alberature, per capire lo stato di salute del nostro patrimonio arboreo. Oggi con orgoglio posso dire che il 90% del verde nel territorio è in buone condizioni manutentive. Questo anno abbiamo a bilancio 690.000 euro per la manutenzione ordinaria del verde municipale, che è prevalentemente verde scolastico, quando arrivammo nel 2016 erano solo 50.000 euro. A breve partiranno i lavori della straordinaria del verde 2019, per un importo di 400.000 euro, con i quali riqualificheremo diverse aree verdi, creeremo percorsi pedagogici nei parchi, ripristineremo i manti erbosi delle scuole, creeremo il primo vivaio municipale, aperto alle scuole e ai cittadini. Abbiamo piantato centinaia di alberi endemici con molti comitati spontanei e proseguiremo questo percorso. Ricordo che abbiamo messo a bilancio 600mila euro di straordinaria del verde e con questi fondi riqualificheremo ulteriori parchi, strade e giardini. In questo periodo di chiusura non abbiamo mai smesso di fare manutenzione. Al di là delle possibili defezioni che si sono registrate nelle imprese in appalto, non abbiamo mai interrotto le attività che ovviamente sono anche legate ai periodi stagionali (alcuni interventi sulle alberature, per esempio, si possono realizzare solo in certi mesi dell’anno). Stiamo continuando la manutenzione del verde e degli arredi pubblici. Stiamo cambiando la visione e la percezione del verde nel territorio: non più solo aree verdi funzionali ed esteticamente belle, ma progettandole dando importanza primaria alla loro funzione eco sistemica. Il 16 marzo il WWF, in un report, ha detto che le malattie emergenti sono la conseguenza dell’impatto dell’uomo sull’ecosistema. La vita è interrelata, la salute dell’ambiente e quella dell’uomo sono collegate. Il nostro obiettivo, fin da sempre, è quello di sensibilizzare le persone al rispetto e alla tutela proprio dell’ecosistema”.

Sui dati diffusi dal SIMA sul rapporto diretto fra inquinamento da polveri sottili e maggior diffusione del virus, Pulcini ha così commentato:“Io ho invitato i cittadini, vedendo i dati di Arpa Lazio per cui i valori di molti inquinanti sono ancora alti in città, a rispettare le norme di legge e di tenere sotto i 20 gradi di temperatura il riscaldamento all’interno di uffici, negozi e abitazioni private. I dati infatti ci dicono che i valori alti di pm 10 e pm 2,5 dipendono molto dal riscaldamento domestico, oltre che dal traffico veicolare. Tutti dobbiamo cambiare approccio e non solo per rispettare l’ambiente, ma anche per tutelare la salute. Lo sbalzo termico abbassa, infatti, le difese immunitarie. Per questo è opportuno regolare la temperatura dentro casa, per rispettare l’ambiente e la salute della collettività”.

Pulcini, a termine dell’intervista, ha ribadito che: “Noi abbiamo tanto progetti che stiamo portando avanti. Con AMA stiamo effettuando la sanificazione di tutti i cassonetti. Il Sindaco Virginia Raggi ha fatto vedere che sono stati sanificati molti cassonetti su strada ed è stato realizzato il lavaggio straordinario di molte piazze e strade del territorio. Noi siamo il secondo municipio per beni archeologici e nessuno lo sa perché non erano mai stati valorizzati. Stiamo sempre lavorando per la riqualificazione di Villa Gordiani, con investimenti di 1.3 milioni di euro per il restauro delle rilevanze archeologiche, nonché partiranno i lavori per finire la recinzione di Villa Gordiani lato Olevano Romano, mai conclusa. Questo dopo aver già demolito manufatti abusivi e contenenti amianto. Apriremo il primo Centro Ecologico Ambientale di Roma sempre a Villa Gordiani (trasformando un ex bocciofila con tetto in amianto) e stiamo riqualificando un’area verde (il Parco de Chirico) che si trova in uno dei quartieri più poveri di Roma con un grande progetto di permacultura, “Il Sogno Trasformato”. Proseguiranno i lavori della ciclabile Prenestina per sviluppare la mobilità sostenibile e ridurre così l’inquinamento. Puntiamo molto sulla cultura con Festival sull’ambiente quali Festam, la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti e la Settimana Europea per la Mobilità Sostenibile. Durante questo mese stiamo comunque cercando di limitare la riduzione dei servizi al minimo, nonostante la difficile situazione che viviamo. Stiamo cercando di tenere alto il livello dei servizi pubblici per garantire il lavoro che abbiamo fatto e continueremo a fare nel V Municipio”.

Riflettendo su questo periodo e su quello che può rappresentare per ogni cittadini, l’Assessore ha detto: “Spero che sia un momento di riflessione importante per capire meglio cosa sta succedendo al nostro ambiente e al pianeta. Bisogna riflettere sul senso più profondo della vita. Cogliere l’importanza delle relazioni con se stessi e con gli altri, estendendo i valori alla comunità. Dobbiamo utilizzare questa difficoltà come un’opportunità di acquisire consapevolezza, di riflessione sul senso più profondo della vita, sia individuale che collettiva, di essere creativi, di cogliere l’importanza della relazione con se stessi e gli altri, della necessità di migliorarne la qualità, partendo dalle persone care, ma estendendola anche alla comunità. La malattia, la vecchiaia e la morte sono inevitabili per chiunque, ma oggi abbiamo tutti gli strumenti per vivere felicemente insieme: serve però la volontà di mettere in pratica, ognuno per la sua parte, le azioni giuste perché ciò diventi rapidamente realtà. Dobbiamo riflettere su di un modo di produrre e consumare che si è rivelato non idoneo a costruire una comunità armoniosa e una vita appagante e felice. Siamo parte integrante del sistema e dobbiamo capirlo. Le parole chiavi dovranno essere solidarietà, biodiversità, comprensione, pensiero sistemico, interdipendenza, pace. La felicità deve essere costruita sulla resilienza, su una lotta continua per perseguirli. Nella vita si vince e si è felici non se si accumulano soldi, se si ha successo, se ci si dedica all’apparenza, ma se non ci si arrende mai”.

Dario Pulcini ha concluso l’intervista a Radio Cusano Tv Italia con una citazione a lui cara di Eduardo Galeano: “L’utopia è là nell’orizzonte. Mi avvicino di due passi e lei si distanzia di due passi. Cammino 10 passi e l’orizzonte corre 10 passi. Per tanto che cammini non la raggiungerò mai. A che serve l’utopia? Serve per questo: perché io non smetta mai di camminare”.