RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Torresina la prima assemblea del neo Comitato dei cittadini dei Piani di Zona

Il 21 Aprile si è tenuta a Torresina la prima assemblea del neo Comitato dei cittadini dei Piani di Zona. All’invito fatto dal Presidente Gianluca Riparbelli a tutte le istituzioni interessate, ha risposto solo la Regione Lazio, che ha visto la partecipazione dell’assessore alle Politiche Abitative Massimiliano Valeriani, alla prima uscita ufficiale sul tema dell’edilizia agevolata. Presenti due consiglieri municipali del XIV: l’ex assessore all’urbanistica del XIV municipio Alessio Cecera e il Presidente della attuale commissione urbanistica Fabrizio Salamone.

Assenti l’assessore capitolino Montuori e la Presidente della commissione Urbanistica Iorio per impegni istituzionali. Assenti gli organi di governo del Municipio XIV invitati a presenziare quali padroni di casa.

Grande partecipazione dei rappresentati dei CdQ esistenti, di singoli cittadini, avvocati, notai e tecnici interessati ai temi afferenti i Piani di Zona di Roma, dove vivono complessivamente circa 500 mila persone.

I progetti che il comitato si prefigge di portare avanti sono:

. estensione del diritto alal trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà a tutti i PdZ
. verifica dei metodi di calcolo delle affrancazioni e delle trasformazioni
. avvio delle azioni risarcitorie collettive contro il comune di roma in relazione al mancato completamento delle opere di urbanizzazione
. sollecito alla Regione Lazio per far rispettare la delibera n.860 del 19.03.80 che ha approvato la “convenzione tipo” cui il Comune di Roma avrebbe dovuto attenersi per le convenzioni di Trasformazione

Nel suo intervento l’assessore regionale ha annunciato che sta lavorando alla costituzione di un osservatorio paritetico composto da regione comuni operatori economici consorzi per le opere a scomputo e associazioni dei cittadini residenti.

“Nostro obiettivo – ha spiegato l’Assessore regionale Valeriani – è quello di studiare le criticità emerse in questi anni che hanno portato al mancato completamento delle opere primarie e secondarie, alle ciritictà legate ai prezzi massimi di cessione e alle anomalie delle convenzioni sulle trasformazioni”.
Un altro punto importante affrontato dall’assessore Valeriani, già annunciato in campagna elettorale da Zingaretti, riguarda il completamento delle opere di urbanizzazione, oggi ferme al palo in particolare a Roma.

“Siamo pronti già da questo anno, a ridestinare i fondi stanziati per la realizzazione dei nuovi piani di zona che i comuni non hanno mai richiesto e che dal 2004 giacciono nelle casse della Regione, per il completamento delle opere di urbanizzazione primaria nei Piani di Zona già avviati da anni, ma mai ultimati. Un contributo significativo che mettiamo a disposizione di Roma Capitale con grande spirito di collaborazione, per risolvere i problemi concreti dei cittadini” conclude Valeriani.

Soddisfatto il consigliere ex assessore all’Urbanistica del XIV Municipio Alessio Cecera, che nel 2015 aveva lanciato in via sperimentale un tavolo di concertazione sui piani di zona presenti nel XIV Municipio, al quale parteciparono operatori, consorzi per la realizzazione delle opere a scomputo, comitati, cittadini e dipartimenti capitolini coinvolti.

“E’ cono grande orgoglio che da questo municipio riparte un’azione concertata tra tutti gli attori interessati ai Piani di Zona. Finalmente con l’assessore Valeriani si sono affrontate concretamente le modalità con le quali la Regione Lazio può esercitare le sue prerogative e dare un grande contributo sui Piani di Zona a Roma Capitale. Nel mio municipio, solo per citarne alcuni, abbiamo casi bloccati da anni che stanno facendo esasperare gli animi ai tanti cittadini che vi abitano e che ci vorrebbero andare a vivere, come Torresina II, Colle Fiorito e Piansaccoccia.”