RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

BERLINO BORGHESE? MA NO, HA LA CANNABIS NELLE AIUOLE!

Più informazioni su

Se qualcuno mi accusasse di essere un borghese o, addirittura, un piccolo borghese, io – che non mi sento proprio di esserlo – non mi offenderei, al massimo ci riderei sopra. Invece Berlino pare che respinga con stizza l’accusa di esserlo e si difende dalle colonne del quotidiano Bild, che ha trovato ben cinquanta motivi per dimostrarlo. La capitale tedesca, che forse non ha niente di meglio a cui pensare, secondo il prestigioso (si fa per dire) foglio crucco rivendica una certa vivacità anarchica potendo vantarsi, tra l’altro, di essere una città dove barboni e bimbi cantano insieme il karaoke, dove si va in discoteca a mezzogiorno, dove cresce cannabis nelle aiuole. Ah, no! Una certa propensione alla vivacità anarchica fino a oggi credevo di averla anch’io, non per caso responsabile di opinioni politicamente scorrette. Ma non canto e non canterò mai il Karaoke insieme a bambini e barboni. Anzi, non ho mai cantato in coro e mai lo farò, come insegna Montanelli. Non vado in discoteca né a mezzogiorno né a qualsiasi ora. E soprattutto non mi metto a coltivare cannabis nelle aiuole. Mi arrendo: da oggi in poi chiamatemi pure borghese (magari lo fossi!) o piccolo, anzi piccolissimo borghese. Sempre meglio che somigliare al modello anarchico proposto dal Bild. Ahi ahi, non ci sono più i berlinesi d’una volta. L’ultimo è stato Kennedy, cinquant’anni fa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.