RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

CRISI, CESSIONE DI SOVRANITÀ ALL’EUROPA? SÌ, SE L’EUROPA FOSSIMO NOI

Più informazioni su

Per superare la crisi, da più parti, soprattutto dalle parti di Berlino, si offre la soluzione più efficace: cedere nuove quote di sovranità all’Unione Europea. Dicono: non siete in grado di fare le riforme, i tagli alla spesa, la cura dimagrante allo Stato e agli enti locali? A voi ci pensa l’Ue (la Bce, la Commissione, gli gnomi di Bruxelles e di Francoforte). Insomma, i tagli che l’Italia non riesce a fare alla politica, alle province, al numero spropositato di dipendenti pubblici, statali e locali, li faranno i commissari di Bruxelles. E’ la cessione di una grande fetta di sovranità dello Stato all’Unione Europea. Una bella idea, con un antipatico difetto: le autorità italiane, a parte Monti e i suoi amici, le abbiamo elette noi. I decisori europei non li ha eletti nessuno. L’unico organismo eletto dell’Ue è il parlamento europeo, che però ha una piccola imperfezione: non conta niente. Le decisioni le prende la Commissione, fatta di burocrati finiti lì per imperscrutabili motivi. L’Italia vi ha sempre spedito politici di seconda fila, trombati alle elezioni, piantagrane da esiliare tra le brume belghe. Raramente gli italiani hanno agito pensando all’interesse dell’Italia, come invece hanno sempre fatto tutti gli altri. E noi dovremmo cedere sovranità a chi non ci rappresenta? A chi non è stato eletto da noi? A chi è stato cooptato dai misteriosi “poteri forti”? Cediamo pure sovranità all’Ue, ma soltanto dopo che l’Ue si sia dotata di un governo eletto da noi e controllato da un parlamento europeo titolare del potere legislativo per le materie che si stabilirà di affidare all’Europa. Nel frattempo, teniamoci stretta quel po’ di sovranità che ancora abbiamo e adoperiamola per arrangiarci da soli e, magari, per battere i pugni sul tavolo quando i nostri partner di Parigi o Berlino tentano di fare i furbi a nostre spese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.