RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

No, Romano, no: il Pdl accantona i dissensi col Pd

Più informazioni su

Sergio Romano sul Corriere della sera scrive di aver “sperato che il risultato inconcludente delle elezioni avrebbe costretto i maggiori partiti (quelli che hanno grosso modo programmi convergenti) ad accantonare i loro dissensi. Avrebbero dato al Paese un governo e al Movimento 5 Stelle lo spettacolo di una classe dirigente ancora capace di un soprassalto di orgoglio e buon senso. È accaduto esattamente il contrario. Nessuno è disposto a sacrificare qualcosa o a fare un passo indietro”. Sergio Romano, evidentemente, non ha avuto tempo di leggere negli ultimi giorni, dopo i risultati elettorali, i quotidiani. Solo così si spiega il fatto di aver messo sullo stesso piano il Pd e il Pdl (che lui non nomina, indicandoli soltanto come i maggiori partiti, che hanno programmi convergenti).

Riassumo la situazione politica a beneficio di Sergio Romano e dei lettori (quelli nostri e quelli del Corriere): il Pd rifiuta accordi col Pdl e li cerca con i grillini; il Movimento 5 Stelle rifiuta accordi con chiunque; il Pdl è disposto “a sacrificare qualcosa e a fare un passo indietro”, dichiarandosi pronto a trattare con il Pd per dare un governo al Paese. Insomma, il Pdl non merita il severo giudizio dell’ambasciatore, che va indirizzato soltanto alle due altre grosse forze parlamentari.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.