RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

TOTTI HA RAGIONE: VA RISPETTATA ANCHE L’OMOFOBIA

Più informazioni su

Povero Totti, ogni tanto casca in una gaffe. In risposta a una domanda su un tweet di Zarate, che usava un termine inappropriato, diciamo pure politicamente scorretto, per definire gay un interlocutore fastidioso, il capitano della Roma, credendo che la domanda si riferisse invece a una recente scherzosa dichiarazione di Cassano sullo stesso argomento, se n’è uscito con una delle sue: “Io rispetto l’omofobia”. Sicuramente voleva dire “rispetto l’omosessualità”. Ma, pur non volendo, ha dato ancora una volta una lezione di civiltà e di tolleranza, come quando concluse una sua perorazione contro la droga con le famose parole: “Oh, io ve l’ho detto. Adesso fate come vi pare”.
Già, perché i gay vanno rispettati e gli omofobi no? Le opinioni, quando non sono accompagnate da atti violenti o semplicemente denigratori, vanno rispettate tutte. Se una persona ha paura dei gay (omofobo questo vuol dire: fobia, cioè paura, degli omo), perché condannarlo? C’è chi ha paura degli spazi aperti (agorafobia), chi degli spazi chiusi (claustrofobia), chi dei ragni (aracnofobia). Io ho paura di stare in un luogo alto, col vuoto sotto (acrofobia). Montanelli aveva paura della morte (tanatofobia). Vanno tutti rispettati, anche chi ha paura dei gay (omofobia). E tra i gay, sospetto che ci siano molti eterofobi. Rispettiamo anche questi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.