RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Oroscopo Acquario Maggio 2014 | SIMON & the STARS

Più informazioni su

ACQUARIO

ACQUARIO

ACQUARIO

Il mese di maggio si apre con un dilemma relativo a quegli aspetti della nostra vita che ci danno sicurezza ma che possono diventare condizionamenti e limitare la nostralibertà. In primissimo luogo la famiglia e i genitori, ma anche le nostre radici e le tradizioni. In una parola, tutto ciò che ci ha portato fino al punto in cui siamo, che radica la nostra identità, che ci dice “chi siamo” e che a volte può limitare “ciò che possiamo diventare.

Il nostro segno è un ribelle nato, inventivo e non convenzionale. Proprio per questo motivo, ha bisogno di definire le proprie radici (nella terra stabile del Toro per l’appunto) ma ne subisce anche il limite. Ricordo un verso di una canzone che diceva “ma poi di tutta quella libertà / un aquilone cosa se ne fa / se l’impazienza spezzerà quel filo?”.Per noi le radici sono come il filo di quell’aquilone… guai se le perdessimo del tutto (questa è la nostra partesaturnina, quella più conservatrice e tradizionalista!) ma guai se il filo fosse troppo corto (e questa è invece la nostra componente uraniana, dirompente, inventiva, imprevedibile!). E’ la solita vecchia storia del “rifugio” che può diventare “gabbia”.

Andando più sul concreto, questa prima del parte del mese potrebbe darci la sensazione che la nostra libertà di movimento sia limitata dal peso delle aspettative degli altri, soprattutto della famiglia, almeno per i più giovani. Ma anche chi naviga intorno ai temutissimi Quaranta, un simile freno può nascere dalla sicurezza che abbiamo costruito finora. C’è quel desiderio di provare tentare nuove strade, di sentire quella freschezza delle nuove imprese. Però che fare? Rischiare di perdere ciò che abbiamo costruito finora? Nulla di allarmante, è proprio lo scopo della quadratura “bassa” del Sole durante il transito in Toro. Andare a “testare” le radici.

 

Facciamo un passo indietro, anzi 3:

  • i transiti di Gennaio e Febbraio (con il Sole, Mercurio e Venere proprio in Acquario) hanno stimolato la nostra personale individualità e il nostro naturale senso di “ribellione” (nel senso di non accettare schemi predefiniti)
  • i transiti di Marzo ci hanno fatto riprendere coscienza dei nostri talenti e delle nostre capacità, mostrandoci aspetti di noi che forse non sospettavamo, o sui quali non abbiamo mai pensato davvero di poter investire;
  • i transiti di Aprile hanno illuminato la nostra voglia di comunicare, di far sentire lanostra voce, e in un certo senso di mostrare agli altri questa nuova immagine di noi stessi.

 

Mettiamo insieme tutto quanto, e questo è il risultato: siamo all’inizio di un nuovo ciclo evolutivo che ci restituisce un’immagine di noi stessi per certi aspetti diversa da quella che abbiamo sempre avuto/mostrato, fatta di capacità che in precedenza non mettevamo a fuoco o che comunque preferivamo tenere per noi. Con la capacità di stupire che caratterizza il nostro segno abbiamo preso in mano il microfono (in senso metaforico) e abbiamo fatto sentire la nostra voce, che non è passata inosservata.

 

Adesso, a Maggio, dobbiamo sostenere un esame importante: difendere questa nostra (rinnovata) identità dinanzi alla “tradizione” che resiste al cambiamento e che è prima di tutto dentro di noi (rappresentata dal nostro Saturno, che governa il segno insieme ad Urano), e poi nelle strutture “tradizionali”, prima fra tutte la famiglia. Con “tradizione” intendo un concetto molto ampio: tutto ciò che è sempre stato uguale a se stesso, e che naturalmente oppone un freno al cambiamento.

 

Il segreto per superare l’inerzia di questa “curva a gomito” è agire in modo deciso, esostenere la direzione in cui andiamo. Un tentennamento o un’accelerata scomposta ci possono portare fuori strada. Se lasciamo che prevalga la nostra parte Saturnina, il filo riporta l’aquilone a terra e addio volo! Se lasciamo del tutto libera la nostra componente Uraniana, il filo si spezza e andiamo in orbita! Siamo fatti dell’una e dell’altra componente e le dobbiamo mescolare con sapienza. E a ben vedere, è proprio questo l’insegnamento del Sole in Toro: azione e concretizzazione. Poche chiacchiere, un pizzico di determinazione: su le maniche e mettiamoci in moto! Marte in trigono dalla Bilancia sostiene il nostro spirito di iniziativa, anche se di quando in quando ci rende iperattivi o irritabili.

 

Superato questo banco di prova, durante il quale ognuno cercherà di venderci la “sua” verità, e oscilleremo tra (auto)critichetentennamenti deflagranti ribellioni, la seconda metà del mese ci vede navigare più dolcemente nelle acque della creatività dei Gemelli, segno alleato che condivide la nostra stessa “Aria” e la muove con leggerezza e velocità. Lasciate alle spalle le resistenze d’inizio mese, si accende in modo definitivo la voglia di sperimentare, di inventare e di stupire. Saranno favorite tutte le attività creative, espressione pura e immediata della nostra personalità. Tutto scorrerà in modo più naturale, accompagnato da un’autentica voglia di vivere e di star bene. Per chi è single, sarà il momento per i flirt primaverili e per quelle altre emozioni del momento che ci fanno sentire che la vita scorre prepotente nelle vene. Per chi è in coppia, è il momento giusto per regalarsi una vacanza (piccola o grande che sia) dalla routine, per dirsi nuovamente “si” o per mettere in cantiere un bimbo!

 

Insomma, Maggio è un un mese interessante, punteggiato da “sfide” (nella prima parte) e da “ricompense” (nella seconda!). Cerchiamo di mantenere bene la rotta, perché veleggiamo nella direzione giusta e il vento è favorevole!

 

VOTO: 7+

Più informazioni su