Quantcast

21 Luglio: con sgomberati Castel Romano Raggi deve mantenere promesse

Più informazioni su

Roma – “‘Questa mattina sono partite le nostre operazioni di sgombero dell’Area F del campo rom di Castel Romano- aveva dichiarato Virginia Raggi il 25 marzo scorso- Abbiamo avviato una collaborazione con tutte le famiglie che hanno sottoscritto il “Patto di Responsabilita’ Solidale’: si tratta di un sostegno temporaneo nei confronti di coloro che si impegnano a trovare un regolare lavoro, mandare i propri figli a scuola.”

“Per coloro che hanno fragilita’, abbiamo avviato il percorso di assistenza cosi’ come avviene per chiunque si trovi nelle stesse condizioni”. E’ quanto scrive in una nota l’associazione 21 Luglio che questa mattina con gli abitanti dell’Area F di Castel Romano ha manifestato in Campidoglio “per ricordare alla prima cittadina le promesse fatte”.

“Sei famiglie- spiega l’associazione- sono state effettivamente collocate in co-housing in case popolari che sono parte della ‘riserva ERP’ a disposizione del Comune di Roma per l’emergenza abitativa. Quattro famiglie sono state invece poste all’interno di Covid Hotel. Hanno accettato con fiducia questa sistemazione malgrado la difficolta’.”

“Le famiglie sono state infatti poste in quarantena, pur risultando negative ai test alle quali erano state sottoposte, e smembrate, visto che solo ad una persona adulta, insieme ai bambini, e’ stato consentito l’ingresso. A tre famiglie non e’ stata offerta alcuna soluzione e sono in attesa di un appuntamento con le assistenti sociali di riferimento per intraprendere il percorso burocratico con la sottoscrizione del “Patto di Solidarieta’”.

“La promessa dell’Amministrazione Capitolina e’ pertanto stata realizzata a meta’ e oggi le famiglie, al grido di ‘Nessuno resti indietro!’ hanno chiesto all’Amministrazione Comunale di promuovere il percorso di inserimento abitativo che era stato verbalmente garantito”, dcie l’assocazione.

“La nostra richiesta- hanno affermato le famiglie- non si fonda su pretese arbitrarie ma su impegni assunti da parte dei referenti istituzionali e per questo chiediamo che alle parole seguano i fatti”.

L’appello delle famiglie e’ stato consegnato alla presidente della Commissione Politiche Sociali di Roma Capitale, Agnese Catini, presente alla manifestazione. Associazione 21 luglio “si e’ posta da subito a fianco delle famiglie rom affinche’ venga garantito il diritto a un alloggio dopo la distruzione dei container dove avevano vissuto per 9 anni”.

Secondo Carlo Stasolla “dopo lo sgombero di Camping River, con 300 persone finite per strada, e quello del Foro Italico, che ha visto una ventina di famiglie scappare dalla furia delle ruspe, non vorremmo assistere all’ennesimo flop del Piano rom della Raggi.”

“Alle famiglie dell’area F e’ stata fata una promessa, quella di avviare un percorso di inclusione attraverso l’accesso agli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Loro hanno concesso fiducia accettando anche di entrare in Covid Hotel pur non comprendendone la ragione. Vigileremo e lotteremo a fianco delle famiglie fino a quando l’impegno assunto da questa Amministrazione non si traduca in realta’”.

Più informazioni su