RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Alberti (Fds): “Correggere la manovra”

Più informazioni su

“I dati sul versamento della prima rata Imu diffusi dal Caf Cisl ne confermano l’iniquità. Una tassa che pesa soprattutto sui redditi più bassi e non colpisce lì dove la ricchezza è stata accumulata. Così come concepita, infatti, l’Imu sfugge al criterio costituzionale della progressività”. È quanto afferma il portavoce della Federazione della Sinistra di Roma,  Fabio Alberti.

“L’Imu va abolita e sostituita con una patrimoniale comunale sui grandi patrimoni.

Ma già da subito i comuni possono, sulla base della legislazione vigente, intervenire per rettificare, con la seconda rata, questa palese ingiustizia.

Come FdS ribadiamo la proposta di legare al reddito gli importi delle detrazioni – che la legge prevede possano oscillare da 0  a 400 euro – e l’aliquota – che può variare da 0,02% a 0,06%. In questo modo si potrebbe azzerare o ridurre il carico per i redditi bassi e  medi spostandolo sui redditi alti ed elevati. Il Consiglio comunale sta discutendo in questi giorni le aliquote 2012 dell’Imu, quindi è perfettamente in grado di farlo”, conclude Alberti.

Di seguito un esempio di come potrebbe essere rimodulata l’Imu effettuata con riferimento alle attuali fasce di reddito Irpef

Redditi sino a 15.000 euro:  aliquota 0.2 – detrazione 400 euro

Redditi da 15.000 a 28000: aliquota 0.3 – detrazione 300 euro

Redditi da 28.000 a 55.000: aliquota 0.4 – detrazione 200 euro

Redditi da 55.000 a 75.000: aliquota 0.6 – nessuna detrazione

Redditi oltre 75.000: aliquota 0.6 – nessuna detrazione

Con questa  ipotetica distribuzione l’Imu si azzererebbe sostanzialmente per i redditi inferiori al 15.000 euro e ridurrebbe fino a 28.000 con analoghi incrementi per i redditi superiori

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.