Quantcast

Ama: impegno costante per garantire regolarità servizi

Più informazioni su

Roma – “Ama vuole rassicurare i cittadini di Roma che anche nelle ultime 24 ore, grazie all’impegno costante degli operatori in forza presso le 55 sedi di zona e le 5 autorimesse nel territorio di Roma, l’azienda ha continuato a garantire i servizi di igiene urbana nei vari quadranti cittadini. Nella giornata di ieri sono state raccolte più di 3.000 tonnellate di rifiuti.”

“Il personale aziendale è come sempre impegnato sul campo nei 4 turni di lavoro (mattina, pomeriggio, semi-notte, notte) affiancato da tecnici e preposti che monitorano a ciclo continuo le postazioni di raccolta. Eventuali situazioni di criticità, comunque circoscritte, vengono subito individuate e sanate nel corso della giornata se necessario anche con interventi supplementari”. Così in un comunicato AMA S.p.A.

L’azienda ha comunicato per tempo alle autorità competenti il quadro in evoluzione con le difficoltà dei flussi e dell’intera filiera che sarebbero via via aumentate a fronte delle manutenzioni prospettate a fine maggio da alcuni impianti di valorizzazione/trattamento, dalle minori disponibilità di allocazione degli scarti post trattamento (stante la mancanza di sviluppi positivi e soluzioni alternative dopo la chiusura, dallo scorso 1° aprile, della discarica laziale di Roccasecca) e dalla maggior produzione di rifiuti prevista sia per andamento statistico (picco annuale) sia per la piena attività dopo il lockdown per Covid delle attività di ristorazione e degli esercizi commerciali in genere.

L’azienda è costantemente a disposizione e prosegue nell’opera di interlocuzione con enti e soggetti preposti allo scopo di affrontare e superare le problematiche esogene derivate dall’insufficienza di sbocchi. Oltre alla situazione contingente, per cui Ama come soggetto gestore ha prospettato e richiesto le maggiori flessibilità di trattamento autorizzabili temporaneamente sui propri asset, nel medio e lungo periodo sarà strategico dare corso al rafforzamento del ruolo dell’azienda pubblica previsto nel suo nuovo Piano Industriale con la costruzione di 8 nuovi impianti.

Anche la situazione attuale di difficoltà ciclica, infatti, deriva dalla scarsità di leve proprie e dal deficit strutturale di impianti nel Lazio (secondo il Conai servirebbero 44 nuovi impianti e il fabbisogno della regione è pari a circa un quarto del fabbisogno dell’intero Centro-Sud Italia.

Solo colmando questo gap si può evitare il trasferimento fuori dai confini regionali degli attuali quantitativi, oltre 1 milione e mezzo di tonnellate secondo l’Ispra). In questo scenario, Ama sta continuando e continuerà a lavorare h24 e al massimo delle proprie possibilità per garantire la regolarità dei servizi di raccolta e il decoro su tutto il territorio cittadino.

Più informazioni su