Quantcast

Anastasìa: bene D’Amato su priorità a detenuti per vaccino Johnson&Johnson

Roma – “Saluto decisamente con favore le affermazioni dell’assessore alla Sanita’, Alessio D’Amato, il quale, in un’intervista rilasciata al quotidiano la Repubblica, ha dichiarato che e’ gia’ pronto un piano carceri e che quando arrivera’ Johnson&Johnson, la priorita’ assoluta sara’ data a personale e detenuti”. Cosi’ il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della liberta’ personale della Regione Lazio, Stefano Anastasìa, il quale durante la pandemia ha piu’ volte rappresentato alle istituzioni la necessita’ di anticipare le vaccinazioni negli istituti di pena.

“D’altronde- prosegue Anastasìa- la situazione puo’ precipitare in qualsiasi momento: i casi di positive al virus nel carcere femminile di Rebibbia sono arrivati a 55, ma potrebbero ancora aumentare, cosi’ pure negli altri istituti di pena del Lazio, colpiti da focolai nei mesi scorsi”.

Solo pochi giorni fa, il 29 marzo, le detenute positive al virus nel carcere femminile di Rebibbia erano 25, secondo i dati comunicati al Garante dei detenuti dalla Direzione regionale salute e integrazione sociosanitaria – Area rete integrata del territorio.

Due i casi nel Nuovo complesso e sette casi nella casa di reclusione, sempre di Rebibbia. Tre i casi a Regina Coeli, e due a Civitavecchia, per un totale di 39 casi nel Lazio, sempre al 29 marzo. Solo una settimana prima, il 22 marzo, nei 14 istituti di pena del Lazio risultavano 19 positivi al coronavirus in tutto.