RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Antibiotico resistenza, Bagnasco: in Italia problema sottovalutato

Roma – “Il tema dell’antibiotico resistenza e’ un tema particolarmente attuale e il nostro Paese, purtroppo, ha un primato che sarebbe meglio non avesse. Questa situazione e’ estremamente pericolosa e forse viene sottovalutato quello che potrebbe accadere in un prossimo futuro, se tale tendenza dovesse proseguire”. Cosi’ il deputato Roberto Bagnasco, membro della XII Commissione Affari Sociali, intervistato dall’agenzia Dire oggi a Roma in occasione del convegno dal titolo ‘Occhio agli antibiotici! Focus in Oftalmologia sulle evidenze, la profilassi e la terapia antibiotica’, organizzato dall’Associazione Italiana Medici Oculisti e dall’Associazione ‘G. Dossetti: i Valori – Tutela e Sviluppo dei Diritti’.

L’evento si e’ svolto nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani. “In XII Commissione, di cui sono capogruppo per Forza Italia- ha proseguito- stiamo esaminando esaminando proprio in questo momento il problema dell’antibiotico resistenza e stiamo ascoltando un po’ tutti. Speriamo di poter produrre presto una normativa molto attuale, scevra di interessi di parte, ma solamente nell’interesse generale”.

Bagnasco ha poi fatto sapere che il tema riguarda “anche il settore dell’oculistica, dove lo stesso problema e’ molte volte trascurato. Penso all’utilizzo spesso improprio o superficiale dei colliri- ha sottolineato- Bisogna spiegare che l’antibiotico non deve essere usato tutte le volte che si hanno gli occhi rossi”.

Per questo, secondo il deputato, c’e’ bisogno di “operazioni di marketing” e di maggiori “campagne di informazione che coinvolgano oculisti e farmacisti, figure che possono avere un ruolo molto importante”. Bagnasco ha infine fatto sapere che in questi anni le cose sono “cambiate molto velocemente: basti pensare che, fino a qualche anno fa, si faceva per esempio una profilassi antibiotica prima di essere operati banalmente alla cataratta, mentre adesso non lo si fa piu’ e molto spesso neppure post intervento”, ha concluso.