Quantcast

Asl Rm 5: sostegno psicologico ad adolescenti, al via Pan-Demos

Più informazioni su

Roma – L’adolescenza è una fase evolutiva critica, che implica una transizione dall’età infantile a quella adulta, decisiva per lo sviluppo ed il consolidamento dell’identità. È caratterizzata da rilevanti cambiamenti somatici, cognitivi ed emotivi, e comprende movimenti di scoperta di sé ed esplorazione del mondo che sono tipicamente associati a vissuti di incertezza ed instabilità.

L’emergenza pandemica in corso implica un contesto fisico, socio-affettivo e culturale che rende ancor più complesso fronteggiare questo cruciale momento evolutivo. Tale maggiore complessità, che aumenta il rischio di esordi sintomatici, riguarda sia il vissuto degli adolescenti, sia di coloro che se ne prendono cura (es. genitori, insegnanti).

Lo stravolgimento delle abitudini di vita, il distanziamento sociale, l’isolamento affettivo, l’aumentato senso di precarietà, la convivenza forzata ed esclusiva con i familiari, la digitalizzazione dei rapporti umani sono tutti fattori che, assommandosi, contribuiscono a rafforzare il rischio psicopatologico, nell’ottica della vulnerabilità allo stress. Per questo la Asl Roma 5 ha ideato il progetto Pan-demos, per offrire sostegno psicologico e psicoterapia breve per gli adolescenti. E’ quanto si legge in una nota dell’Asl Roma 5.

Gli obiettivi principali del Progetto sono: offrire all’adolescente uno spazio di accoglienza ed ascolto del disagio o del sintomo attuale, offrire un percorso di valutazione diagnostica all’adolescente, che consenta di differenziare tra crisi transitoria ed esordio psicopatologico, con il conseguente approfondimento di eventuali nuclei patologici emersi, garantire un appropriato sostegno psicologico al giovane per difficoltà legate alla sua situazione di vita attuale ed al contesto ambientale coinvolto dalla pandemia, attivare un percorso breve di psicoterapia focale su specifici sintomi, compromissivi e fonte di significativa sofferenza soggettiva, promuovere il benessere psichico, favorendo la risoluzione delle criticità momentanee ed attuando una funzione preventiva e protettiva circa possibili sviluppi psicopatologici più severi.

Il progetto prevede due possibili tipologie di interventi clinici per gli adolescenti che vivono una condizione di disagio o di disturbo nel periodo attuale: il sostegno psicologico la psicoterapia breve. Il progetto è rivolto agli adolescenti che afferiscono al TSMREE di Monterotondo (G1) di età compresa tra i 14 e i 17 anni e 11 mesi.

I minori possono accedere al Servizio con richiesta iniziale di intervento clinico per difficoltà o sintomi legati al periodo di pandemia, e che si mostrino disponibili a sottoporsi – laddove sia appropriato alla domanda clinica – ad un intervento psicologico-clinico o psicoterapeutico breve.

In alternativa, i minori interessati possono essere quelli che normalmente seguono l’iter diagnostico del TSMREE e che, a giudizio clinico del dirigente psicologo o del dirigente medico dell’equipe che si occupa della valutazione diagnostica, potrebbero avvalersi di un trattamento come quello previsto dal Progetto.

I quadri clinici compatibili con un eventuale intervento psicoterapeutico breve sono generalmente Disturbi D’Ansia, Disturbi non gravi dell’Umore, Disturbi non gravi del Comportamento, Disturbi del Sonno, difficoltà strutturate nelle relazioni affettive e interpersonali.

Più informazioni su