RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Atac: ultimi 57 autobus di 227 su strada entro ottobre

Più informazioni su

Roma – Entro ottobre saranno messi su strada gli ultimi 57 autobus della fornitura di 227 mezzi acquisiti dal Comune di Roma tramite la piattaforma Consip. È quanto hanno fatto sapere i tecnici di Atac intervenuti questa mattina nel corso della commissione Mobilita’ del Campidoglio alla presenza dell’assessore capitolino ai Trasporti, Linda Meleo.

“Ad agosto 2018- ha ricordato proprio Meleo- grazie alla piattaforma Consip abbiamo acquisito 227 autobus. Di questi, 80 sono stati gia’ messi in servizio le settimane scorse, questa settimana ne sono entrati in circolazione altri 44 e altri 46 entreranno in servizio nelle prossime settimane” ha spiegato Meleo.

In totale, dunque, entro pochi giorni i nuovi bus in strada saranno 190. Ma secondo Federico Mannini di Atac “altri 30 bus saranno messi su strada entro settembre e altri 27 ad ottobre”. E con questi si arriva a 227. Tutta la fornitura.

Altri autobus arriveranno poi nel 2020. “Con il bilancio 2019 abbiamo messo altri 30 milioni per i nuovi mezzi e in variazione di bilancio abbiamo anticipato al 2019 altri 30 milioni destinati al 2020- ha aggiunto, infatti, Meleo- Quindi avremo altri 60 milioni per nuovi autobus. Con i primi 30 milioni ne abbiamo gia’ prenotati 97, sempre con piattaforma Consip. All’inizio del 2021 i nuovi autobus messi in strada nel complesso saranno, quindi, circa 700” (considerando anche i 250 che Atac acquistera’ in autofinanziamento e quelli da acquistare con gli ulteriori 30 milioni messi in bilancio, ndr).

“Dal 2020 e dal 2021 Atac tornera’ ad aumentare i chilometri/vettura- ha concluso il presidente della commissione Pietro Calabrese- Si torna gradualmente alla normalita’”. E gli ha fatto eco sempre Mannini: “A dicembre avremo 1.500 mezzi in uscita (a fronte degli attuali 1.380 su circa 1.850 dell’intera flotta, ndr). Torniamo per molte linee al servizio base senza soppressioni. Dal 2020 usciremo con un numero ancora maggiore perche’ ci attendiamo un abbattimento notevole dei guasti”.

Più informazioni su