Aula Campidoglio a Governo: contributi statali a nidi convenzionati

Roma – Roma chiede al Governo contributi statali per il finanziamento delle rette sospese e l’accesso agli ammortizzatori sociali per i gestori dei nidi convenzionati della Capitale. L’Assemblea capitolina ha approvato all’unanimita’ una mozione proposta dalla commissione Scuola, a prima firma della presidente Teresa Zotta (M5S), che impegna la sindaca di Roma, Virginia Raggi e la Giunta ad avviare un confronto con il Governo per la tutela dei gestori dei servizi educativi e scolastici in convenzione con Roma Capitale attraverso il riconoscimento delle spese incomprimibili non legate al servizio ma indispensabili per il suo mantenimento, per il quale il Campidoglio non ha fondi iscritti a bilancio.

Il documento prevede anche l’impegno a chiedere al Governo di finanziare un contributo a favore di Roma Capitale e dei gestori dei nidi in convenzione per le rette sospese a carico delle famiglie degli utenti, e infine di consentire l’accesso dei gestori dei nidi a trattamenti come Fis e Cig in deroga laddove riconosciuti per la sospensione dei servizi. Per la consigliera del Pd, Valeria Baglio, il cui gruppo ha votato favorevolmente alla proposta della maggioranza, “abbiamo tutti a cuore che questo sistema integrato continui a funzionare, seguiremo con attenzione l’intera vicenda affinche’ vada nella direzione indicata dalla mozione”.

Si’ anche da Fdi: “Abbiamo sottoscritto la mozione perche’ e’ un atto di commissione, frutto di un lavoro comune di cui siamo soddisfatti”, ha spiegato il capogruppo Andrea De Priamo. “Avevamo presentato una nostra mozione in cui chiedevamo all’amministrazione di fare di piu’ per queste strutture che sono complementari alle strutture comunali- ha sottolineato- Ora dobbiamo monitorare a livello governativo l’attuazione di questi impegni”.