Quantcast

Azione, Nanni: Raggi immobile, carenza colonnine elettriche è grave

Roma – “Le 200 colonnine di ricarica per auto elettriche installate, mai attivate e poi ‘insaccate’ per assenza di connessione di cui si parla oggi sui quotidiani, sono solo una parte di un problema molto piu’ grande: a Roma interi quadranti della citta’ sono completamente sprovvisti di colonnine, soprattutto nelle periferie”. Lo dichiara Dario Nanni, responsabile romano di Azione, il partito di Carlo Calenda, in una nota.

Per Nanni “se si vuole incentivare l’utilizzo dei mezzi ecologici bisogna garantire a chi li utilizza di poterli ricaricare. Altrimenti rimangono vaghe promesse elettorali. A breve sara’ presentato da Azione un Piano della Mobilita’ per Roma in cui e’ previsto un potenziamento delle infrastrutture di ricarica in tutta la citta’.”

“Ci sono intere zone di Roma senza alcuna copertura per ricaricare i veicoli. Parliamo di Municipi totalmente deserti, da questo punto di vista, che corrispondono per superficie e per popolazione a grandi citta’ italiane.”

“In tutta la Capitale le colonnine ‘pubbliche’ per la ricarica di tutti i tipi di veicoli elettrici sono solamente 118, praticamente una ogni 50 chilometri di strade. Una grave insufficienza compensata solo in parte dalle 200 postazioni ‘private’, dato che Roma avrebbe bisogno di almeno 3mila colonnine”.

“Sono mesi che denunciamo l’assurda vicenda emersa oggi anche da articoli stampa. Per l’ennesima volta dobbiamo segnalare la totale inerzia dell’attuale amministrazione, che in questi anni non ha prodotto nessun risultato su questo tema fondamentale per lo sviluppo della citta’. Soprattutto se si considera che l’utilizzo di auto elettriche negli ultimi anni e’ aumentato esponenzialmente”, conclude l’esponente romano di Azione.