Quantcast

Bernaudo: 52% cittadini boccia presunti candidati sindaco

Roma – “Nonostante la sovraesposizione mediatica di Calenda, l’enorme potere gestito dall’ex ministro Gualtieri, la notorieta’ di Bertolaso e la Raggi che continua a tagliare nastri (nonostante il suo mandato sia gia’ terminato), ebbene questi 4 candidati, tutti quanti insieme, vengono bocciati dal 52% dei romani secondo il sondaggio di indexresearch per La7 reso noto da Formigli a Piazza Pulita.”

“Una vera e propria debacle. Noi rivendichiamo innanzitutto il diritto dei romani di poter conoscere per deliberare e quindi che a Roma si sappia che in campo ci siamo anche noi. I romani devono sapere che al nostro primo punto del programma c’e’ la chiusura del contratto di servizio con Ama e Atac, il taglio netto di tutte le clientele, i centri di costo inutili.”

“Con noi la gestione di tutti i servizi pubblici verra’ messa a gara, sotto il rigido controllo dell’amministrazione, con conseguente azzeramento della Tari e di tutte le tasse locali ed una maggiore efficienza dei servizi, oggi allo sbando. Noi vogliamo fuori i partiti politici e le loro clientele dalla gestione dei servizi. Noi vogliamo cambiare davvero.”

“Se i romani sapessero che c’e’ questa possibilita’ di reale cambiamento vedremo altri sondaggi. Ne sono certo. Per questo combatteremo in tutte le sedi affinche’ a Roma si svolga una campagna elettorale realmente democratica e per questo facciamo un appello alle autorita’ competenti e a tutti gli organi di informazione di rendere nota la nostra candidatura ed il nostro programma”. Cosi’ Andrea Bernaudo, presidente di Liberisti Italiani e candidato a sindaco di Roma, commenta il sondaggio di Indexresearch reso noto ieri da Formigli a La7 durante la trasmissione ‘Piazzapulita’.