RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Blocco Studentesco occupa Istituto Galileo Galilei

Più informazioni su

«Questa mattina circa cento di ragazzi del Blocco Studentesco hanno occupato la sala dell’Istituto Galileo Galilei in via Conte Verde, sede dell’assemblea plenaria della Consulta Provinciale degli Studenti di Roma, per denunciare la situazione di stallo causata dalla cattiva gestione del consiglio di presidenza, a maggioranza composto da esponenti di centrosinistra». Così una nota del movimento. «È inaccettabile quanto detto e fatto dai membri della presidenza appartenenti alla lista ‘Cambia canale’ – afferma Daniele Castellani, consigliere in quota Blocco Studentesco alla Cps – Le loro promesse elettorali – prosegue Castellani – a più di un anno dal loro insediamento sono rimaste tali: non c’è un giornalino della Consulta, non c’è un rimborso spese per i partecipanti all’assemblea, il numero di assemblee plenarie è diminuito e non aumentato, non c’è la pubblicazione del bilancio sul web». «Iniziative proposte e votate dagli studenti – spiega l’esponente del Blocco Studentesco – come la conferenza sulle foibe, sono state respinte per mancanza di fondi. Fondi poi magicamente riapparsi a settembre, quando il cantante Brusco ha intascato più di 10 mila euro dalle casse della consulta per un concerto a cui hanno partecipato alcune decine di studenti». «Sotto accusa anche le parole pronunciate dal segretario Federico Trombettoni e dal presidente della Cps Andrea Capalti, nell’anniversario della strage di Acca Larenzia il 7 Gennaio scorso – continua la nota – È vergognoso che dopo 33 anni da una strage che uccise tre ragazzi neanche ventenni ci sia chi ancora inneggia a ’10 100 1000 Acca Larenzia’. Forse c’è chi ha nostalgia di quegli anni, dell’antifascismo militante e dell’odio politico che tanto sangue ha sparso nel nostro paese. Sicuramente non il Blocco Studentesco, che anzi, con l’occupazione di oggi pretende le dimissioni immediate di questi individui».

Più informazioni su