Bordoni: campi rom vanno chiusi il prima possibile

Roma – “Roma Campi fuori controllo? Focolaio Covid a Catel Romano soprattutto tra i minori d’eta’, la Asl conferma mentre il Comune sottovaluta. Il piano con cui la Raggi pretende di disciplinare la condizione dei rom e’ l’ennesima testimonianza di quanto per promuovere presunte strategie di inclusione si apra invece a zone franche su controlli e regole da seguire”. Cosi’ il consigliere capitolino della Lega Davide Bordoni.

Bordoni poi aggiunge: “L’attivita” di rovistaggio dei rom e’ proseguita ininterrotta ed indisturbata per tutto il tempo dell’emergenza non osservando il divieto di restare nei campi – nei casi quarantena o isolamento precauzionale – e c’e’ poco da stare tranquilli considerato l’abbandono istituzionale in cui versano le baraccopoli e il sovraffollamento nelle strutture.”

“Ritengo quindi opportuno, al seguito anche di alcuni casi di positivita’ riscontrati nella Capitale tra i rom, che qualcuno ci spieghi come intende procedere su questo delicato tema per evitare di usare sempre due pesi e due misure. Il nostro obiettivo e’ chiudere i campi illegali il prima possibile e in Consiglio daremo battaglia per tutelare tutti i cittadini”.