Bordoni: Cimitero Flaminio, intervento Carabinieri preoccupa

Roma – “Sigilli al cimitero Flaminio, dopo le tantissime denunce che in questi mesi abbiamo fatto sulla questione dei cimiteri, anche attraverso la presentazione di vari atti tra cui interrogazioni e richieste di commissioni, nella Capitale la situazione continua a peggiorare, infatti, da questa mattina tornano i sigilli della Asl ai depositi delle urne per inosservanza delle prescrizioni relative alla prevenzione su infortuni e igiene nei luoghi di lavoro”. Cosi’ il consigliere capitolino della Lega Davide Bordoni.

Bordoni poi aggiunge: “L’Ama e l’Assessorato all’Ambiente non possono tacere a fronte di queste nuove problematiche nel mezzo dell’emergenza Covid dove preoccupa l’intervento dei carabinieri che evidentemente hanno trovato qualcosa che non funziona; mi chiedo come si possano organizzare stazionamento e smaltimento delle salme se la filiera viene messa in condizione di non funzionare.”

“Serve un chiarimento immediato sull’accaduto e, al di la’ di eventuali indagini della Procura, vanno individuate le responsabilita’ per rassicurare i cittadini sulle procedure adottate che debbono essere attuate nella certezza che il servizio permetta ai congiunti di avere conforto sul proprio dolore e al contempo salvaguardi la salute pubblica dei cittadini e degli operatori che prestano il loro servizio”.