Quantcast

Borrelli presenta i dati sul Coronavirus del 2 aprile

Roma – “Da ieri il numero delle persone attualmente positive è aumentato di 2.477 unità, quindi adesso il totale dei positivi è di 83.049. Di questi, i pazienti in terapia intensiva sono 4.053, sempre intorno al 5% del totale. Purtroppo nelle ultime 24 ore abbiamo registrato 760 decessi, motivo per cui il numero delle persone scomparse da inizio epidemia è salito a 13.915. Da ieri registriamo anche 1.431 nuove guarigioni, perciò il totale delle persone guarite sale a 18.278. Va sottolineato come la maggior parte dei positivi, ovvero il 61%, è in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi, un numero che è cresciuto anche in percentuale, segno che è diminuito il numero degli ospedalizzati”.

“Dal 27 marzo assistiamo ad una riduzione dell’incremento di ricoverati e terapia intensiva, sono dei valori che ci stanno stabilizzando. Non so dire quando ci sarà una decrescita, posso solo dire di mantenere alte le misure e i comportamenti da tenere. Basta un nulla e si possono innescare dei meccanismi repentini di contagio. Per questo preferisco rimanere coi piedi per terra e constatare i dati giorno per giorno”.

“Sul conto corrente della Protezione Civile abbiamo raccolto finora oltre 101 milioni di euro, e di questi 9.9 circa sono stati già utilizzati per ventilatori e dispositivi. Oggi è partito il secondo nucleo della task force con 76 medici diretti in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Marche e Valle d’Aosta. Domani arriverà a Roma la prima task force composta da infermieri”. Queste le parole di Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile, durante la conferenza stampa odierna sul Coronavirus in Italia.