RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Bozzi: a Roma tornerà figura del ‘nonno vigile’

Di seguito le parole del capogruppo liste civiche autonomiste Ora e Un Sogno Comune in Municipio X, Andrea Bozzi. "Sono molto felice per la votazione in Consiglio all'unanimità della risoluzione che mi vede primo firmatario.

Bozzi: esperienza del ‘nonno vigile’ c’è in tutta Italia

Roma – Di seguito le parole del capogruppo liste civiche autonomiste Ora e Un Sogno Comune in Municipio X, Andrea Bozzi. “Sono molto felice per la votazione in Consiglio all’unanimità della risoluzione che mi vede primo firmatario. Che vuole riportare nel nostro Municipio la figura del cosiddetto Nonno Vigile. Ringrazio il presidente della commissione Scuola di cui faccio parte, Enrico Sarazzi del M5S. Dal primo giorno in cui gliela proposi ha accolto l’idea. L’ha sviluppata insieme a tutti i colleghi di maggioranza e opposizione in un percorso virtuoso. Ho sempre detto che faccio un’opposizione costruttiva, laddove possibile. Questa è la risposta a chi continua a indirizzarmi, invece, accuse strumentali e faziose di lavorare solo e sempre contro questa amministrazione”.

“L’esperienza dei nonni vigili- prosegue Bozzi- c’è in tutta Italia. A Roma funzionò bene per anni, fino alla triste conclusione, avvenuta perché già dal 2012, con 350 scuole e ben 2.000 anziani coinvolti, il Campidoglio ci metteva mesi a dare quei piccoli rimborsi previsti, in forma di buono pasto. Noi invece abbiamo cercato esperienze a zero esborso per l’amministrazione, che si limiterà  a fornire pubblicità al progetto. A garantire l’intermediazione con i tanti centri anziani del nostro territorio, e abbiamo individuato quella che sta portando avanti il Municipio I, dove le Acli gestiscono il progetto e danno in cambio ai volontari bonus culturali o per il tempo libero”.

“Ora spetterà alla presidente del Municipio e all’assessore alla Scuola raccogliere immediatamente il nostro atto politico e aprire alle associazioni, a partire dalle Acli, che vorranno aderire volontariamente” -prosegue Bozzi-.

“Adesso possiamo sperare realisticamente- conclude Bozzi- di rivedere già a settembre, a partire da alcune scuole, questi nonni e queste nonne che proteggono i bimbi, socializzano con loro e con le famiglie. Si rendono utili con gioia, lavorando anche a supporto della viabilità, che resta però, naturalmente, di competenza della Polizia Locale di Roma”.