RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Bruciata corona fiori memoria resistenza: Caudo invita tutti a presidio alle 17 foto

Roma – “Nella notte qualche vigliacco ha bruciato la corona e i fiori apposti ieri sulla targa commemorativa di via Scarpanto. Un attacco al ricordo della Resistenza del nostro municipio, alla storia di questo territorio e un insulto a chi diede la vita per permetterci di essere liberi. Nessuno di noi indietreggi rispetto a questi attacchi vili, anzi, con ancor piu’ forza dobbiamo tenere acceso il ricordo della Resistenza”.

“Episodi che si sono verificati in tutto il Paese e che sono di diretta responsabilita’ politica di chi, occupando ruoli istituzionali in funzione della democrazia per cui i partigiani hanno dato la vita, oggi polemizza o addirittura disconosce l’importanza di questo che dovrebbe essere patrimonio comune delle forze repubblicane tutte -spiega il comunicato-. Come amministrazione provvederemo oggi stesso, alle 17, al ripristino della targa vandalizzata e all’apposizione di una nuova corona”. Cosi’ in un comunicato i consiglieri di maggioranza di centrosinistra del III Municipio di Roma (Partito democratico, Lista civica Caudo presidente, Liberi e Uguali e Centro solidale).

“Oggi alle 17 invito tutti i cittadini a un presidio democratico e antifascista per denunciare l’oltraggio alla memoria e per riaffermare la nostra distanza da chi vuole riportarci indietro, nella barbarie” dice Giovanni Caudo, presidente del III Municipio, a seguito della scoperta, questa mattina, dei resti carbonizzati della corona posta sulla lapide di via Scarpanto, dove ieri e’ partita la camminata del 25 aprile.

“Mai come in questo momento il 25 aprile deve essere un momento di riflessione sul nostro presente, per non farsi consumare. Per non tacere sulle cose che realmente contano. Per affermare valori e principi irrinunciabili, come quello di restare umani. La Resistenza ogni giorno. Tutti i giorni”, conclude Caudo. Il sit-in si terra’ questa sera alle ore 17 in via Scarpanto 9. Tutta la cittadinanza e’ invitata.