RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Brunetta: Pensioni, rapporto costi-benefici migranti è squilibrato

Roma – “Mi spiace contraddire Tito Boeri, ma il rapporto costi-benefici dell’immigrazione in Italia e’ totalmente squilibrato sui costi. Facendo un po’ di conti, gli immigrati in Italia sono, ad oggi, all’incirca 5 milioni. Di questi, circa un milione sono irregolari, non hanno il permesso di soggiorno e, in quanto clandestini, non possono neanche lavorare regolarmente”. Lo dichiara il deputato di Forza Italia Renato Brunetta in un’intervista rilasciata a ‘La Notizia’.

“Poi, a questi dobbiamo aggiungere una quota consistente di immigrati formata dai familiari a carico, e quindi per ragioni di eta’, o perche’ troppo giovani, o perche’ troppo anziani, gente che non lavora, pesando pero’ sul nostro welfare. Questo per quanto riguarda gli irregolari. Ma anche nella parte di popolazione attiva e regolare ci sono disoccupati o gente che risulta disoccupata e che lavora in nero. Di conseguenza, andando a vedere nel dettaglio, solo una parte minoritaria degli immigrati ha un posto di lavoro regolare e contribuisce veramente alla ricchezza del Paese”.

“Diventano italiani 200mila extracomunitari all’anno. Il nostro e’ un Paese accogliente, che macina, assimila, accoglie. Spesso poi, si trovano anche delle chicche divertenti, come immigrati che hanno le carte in regola per avere la cittadinanza, ma che evitano di prenderla perche’ poi dovrebbero cominciare a pagare le tasse”.