Quantcast

Bugarini: smart working, M5S boccia emendamenti

Roma – “Mentre l’assessore De Santis dichiara che i dipendenti comunali potranno lavorare fino al 30% con lo smart working su base volontaria anche ad emergenza finita, il M5S respinge in aula Giulio Cesare un emendamento del Pd che mette al centro del piano triennale ICT – transazione digitale del Comune proprio lo smart working. La giunta capitolina fa dichiarazioni che non corrispondono agli atti votati in Aula Giulio Cesare dal gruppo di M5S. Il mancato inserimento dello Smart Working nella delibera di indirizzo non permette all’amministrazione capitolina l’acquisto della strumentazione tecnologica e dei servizi volti all’utilizzo delle tecnologie digitali per il lavoro da remoto. La maggioranza grillina e quindi in evidente contraddizione con le dichiarazioni della Giunta Raggi”. Cosi’ in un comunicato il consigliere del Pd capitolino Giulio Bugarini.