Quantcast

Calabrese: area laghetto ex Snia, avviata riforestazione

Roma – “Il nostro progetto per la realizzazione dell’Anello verde di Roma prosegue. Con l’assessore all’Urbanistica, Luca Montuori e l’assessora al Verde, Laura Fiorini, ieri, siamo stati all’ex Snia Viscosa per l’avvio del piano di riforestazione dell’area del Lago Bullicante.”

“Questo progetto rientra in una visione precisa, quella che abbiamo portato avanti sin dal 2016 per la realizzazione dell’Anello verde, una rete naturalistica e ambientale che va dalla Riserva Naturale della Valle dell’Aniene al Parco dell’Appia Antica: passando dal parco di Centocelle, Villa de Santis, Villa Gordiani, parco di Tor Tre Teste, andrà a inglobare tutte le aree verdi non ancora cementificate, come ad esempio il parco di viale della Primavera e tutte le porzioni verdi a ridosso di via Prenestina”. E’ quanto annuncia sulla sua pagina Facebook il vicesindaco di Roma e assessore alla Mobilità, Pietro Calabrese.

“Partendo dalla constatazione che il quadrante est della città è quello con la più alta densità abitativa e il più basso rapporto verde pubblico per abitante, in questi anni abbiamo lavorato per ricostruire il ‘polmone verde’ di Roma Est”, aggiunge.

“Il quadrante, infatti, è pieno di aree verdi abbandonate, che insieme alle aree agricole dismesse e ai vuoti urbani possono diventare un sistema integrato con le altre della città così da chiudere la Cintura dei Parchi di Roma Capitale.”

“Noi, quindi, attraverso diverse delibere abbiamo spostato le cubature rispetto a tutte le aree che erano rimaste non cementificate in questo quadrante e approvato un preciso schema di assetto per l’Anello verde.”

“L’ex Snia Viscosa, con il suo lago naturale, quindi deve diventare la porta d’accesso di questo sistema perché anche Roma est possa avere il suo patrimonio di verde ‘attrezzato a parco’ come gli altri quadranti della Capitale. E’ un iter che proseguirà in forma assolutamente partecipata, con il coinvolgimento dei comitati cittadini che già sostengono e condividono la nostra visione”.