Quantcast

Calabrese: Roma-Lido diventi metro di superficie

Roma – “Gualtieri sulla Roma-Lido deve citofonare a casa Zingaretti. Noi abbiamo già presentato l’ipotesi per trasformarla da ferrovia a metro, ma il Pd continua a giocare a nascondino. Gualtieri, quindi, eviti di fare promesse che il suo partito ha ampiamente dimostrato di non voler mantenere.”

“Prima di farle, ottenga dal Pd la credibilità, nei fatti, per poterle sostenere. Questa è la stessa promessa fatta da Zingaretti nella campagna elettorale del 2013, e in quella del 2018, quando affermava di voler ‘trasformare la Roma-Lido in metro di superficie…’. Dal Pd nulla di fatto. Per cui il progetto lo abbiamo avanzato noi, ma Zingaretti non ci ha mai risposto.”

“Per la precisione il nostro progetto insieme alla trasformazione in metro prevede anche la diramazione della linea da Acilia Sud all’aeroporto di Fiumicino. Gli effetti sarebbero tali da far diventare la Roma-Lido la prima linea metro per passeggeri in tutta Italia.”

“Con un collegamento veloce fra la rete dell’area metropolitana, il mare e l’aeroporto Leonardo da Vinci, andrebbe a beneficio non solo delle romane e dei romani, ma anche dei Comuni di cintura intorno alla Capitale.”

“È quanto abbiamo pianificato per la rete integrata su ferro del nostro Pums: il nuovo collegamento diventerà la nuova linea E, unendo la vecchissima Roma-Ostia con la metro B. In una prima fase, la linea ferroviaria per Ostia diventerà una metro totalmente moderna con almeno 31 treni nuovi, per un investimento complessivo di soli 700 milioni, utile a diramare la linea sempre in superficie fino a Fiumicino, e tempi di realizzazione notevolmente ridotti rispetto a una metro da ricavare in profondità”. Così l’assessore capitolino ai Trasporti, Pietro Calabrese, in un post su Facebook.

“Gualtieri non deve andare a parlare con i cittadini di Ostia, che conoscono bene il progetto che abbiamo proposto alla Regione Lazio, proprietaria della linea, ancora prima che si parlasse del Recovery Fund. A settembre 2020 glielo abbiamo riproposto proprio perché realizzabile in poco tempo, quindi entro la scadenza di fine lavori prevista dal Pnrr al 2026.”

“In questo, va anche ricordato che la Regione Lazio deve ancora impiegare i 180 milioni che nel 2016 hanno ricevuto dal Governo per alcuni ammodernamenti della linea. Pertanto Gualtieri, prima di promettere, per essere realmente credibile, deve parlare con Zingaretti, che ribadisco non ci ha mai risposto sul tema.”

“Neanche con un ‘grazie ma non ci interessa’, come invece ha fatto la sua Giunta sui social, dove ha dichiarato che la tanto sospirata trasformazione della Roma-Ostia in metro di superficie, non la vogliono realizzare.”

“A febbraio scorso abbiamo proposto di realizzare questa trasformazione anche al Ministro Giovannini, perché è parte fondamentale dell’attuazione del Pums. Noi non ci arrendiamo. A forza di insistere, con la forza dei cittadini che credono ai fatti più che alle parole, riusciremo a realizzarlo a prescindere dalla mancata volontà di Zingaretti, e delle chiacchiere dei Pd, Gualtieri compreso”, conclude Calabrese.