Calabria: per fare tamponi a bimbi ore di fila

Roma – Questo il comunicato della deputata di Forza Italia Annagrazia Calabria: “È inaccettabile e incivile che a Roma i bambini con piu’ di 3 anni siano costretti ad attese di oltre 4 ore, chiusi in macchina, per poter fare un tampone al drive-in. E con loro dei genitori che devono addirittura ricorrere alle ferie per poterli accompagnare.”

“Il sistema dei drive-in va potenziato subito e in maniera importante perche’ in questi giorni c’e’ stato solo uno sbalzo di temperatura ma e’ gia’ chiaro che il sistema, cosi’ organizzato, non sará minimamente in grado di reggere il prevedibile aumento di tamponi dei prossimi mesi, quando l’influenza si sovrapporra’ al Covid.”

Continua Calabria: “La traversia da terzo mondo cui sono costretti i bambini scolarizzati che devono ricorrere al tampone per poter avere un certificato medico da parte del pediatra che ne faccia richiesta (a discrezione) e poter poi tornare in classe e’ indegno: l’ho potuto verificare oggi con i miei occhi.”

Prosegue Calabria: “Cosi’ come ho potuto verificare l’estrema professionalita’ del corpo medico sul territorio: molti infermieri affermavano che avrebbero dovuto sospendere lo screening perche’ non riuscivano a sostenere il sovraccarico del turno.”

Conclude Calabria: “L’assessore D’Amato si occupi immediatamente, in sinergia con il Governo e il ministero della Salute, di questa situazione vergognosa per i nostri bambini e non solo. Infine mi chiedo: come e’ possibile effettuare una reale mappatura, un reale screening della popolazione sul territorio, se i drive-in vanno cosi’ a rilento? Sono davvero reali i numeri che ci vengono forniti ogni giorno?”.