Quantcast

Calenda: assessore agricoltura e cessione patrimonio

Roma – “Roma è un territorio molto poco presidiato, come testimoniano i cinghiali che vediamo a passeggio per la città. Le nostre proposte sono semplici: Roma è il primo Comune agricolo d’Europa, deve avere un assessore all’Agricoltura, deve cedere il suo patrimonio agricolo, perché fa ridere che un Comune che non sa neanche raccogliere l’immondizia si metta anche a fare l’imprenditore agricolo, e lo deve cedere anche con la politica di 1 euro, perché chi fa agricoltura stabilizza il territorio”. Lo ha detto il candidato sindaco di Roma, Carlo Calenda, intervenendo all’incontro con i candidati organizzato dalla Cia all’Auditorium Giuseppe Avolio.

“Proponiamo anche di semplificare i cambi di destinazione d’uso per far aprire nuove ricettività all’interno delle aziende agricole, e che la cessione della Centrale del Latte di Roma avvenga verso i consorzi di produzione del latte, che avendo margini bassissimi o nulli oggi sono in vero affanno”, ha aggiunto Calenda parlando agli agricoltori.

“Abbiamo in mente un sistema che vincoli i vincitori degli appalti nelle mense a utilizzare prodotti a km 0 e del territorio. Firenze ha fatto un interessante esperimento, quello di dare una corsia preferenziale a chi vende e o usa prodotti del territorio. È molto più efficace, così come farlo nelle mense scolastiche, piuttosto che inventarsi un nuovo marchio che fallisce sempre clamorosamente e su cui devi mettere centinaia di milioni sopra”, ha concluso. (Agenzia Dire)