Calenda: cultura, poteri speciali e servizi, ecco nostro cantiere

Roma – “A Roma ci muoveremo su tre grandi cantieri istituzionali. In primis, i poteri speciali di cui Roma non puo’ fare a meno e a cascata anche i Municipi hanno troppi pochi poteri per poter svolgere i loro compiti. Il secondo punto sono i cosiddetti servizi di base come decoro, trasporti e sicurezza, con un occhio alle partecipate, in particolare Ama e Atac. Infine, il turismo e la valorizzazione del patrimonio culturale capitolino, ad esempio come creare un grande Louvre della storia romana”. Cosi’ Carlo Calenda nel corso di una diretta Facebook.