RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

CAMPIDOGLIO: GRANDE COLLABORAZIONE CON MUNICIPI PER APPROVAZIONE BILANCIO 2013

Più informazioni su

Questa mattina, in Campidoglio, i presidenti dei quindici Municipi cittadini hanno partecipato a una riunione con il sindaco di Roma Capitale, Ignazio Marino, il vicesindaco Luigi Nieri e l’Assessore al Bilancio, Daniela Morgante, in vista dell’approvazione del bilancio 2013 di Roma Capitale entro il prossimo 30 novembre.

Si è trattato di un incontro “molto positivo”, all’insegna della “massima assunzione di responsabilità e collaborazione di tutte le parti”, a fronte della grave situazione economica e finanziaria in cui versa la città, che si trova a dover ripianare un deficit delle casse comunali di 815 milioni di euro. Il sindaco ha raccolto con “grande soddisfazione” l’impegno dei Municipi a chiudere, nel più breve tempo possibile, la partita del bilancio 2013, nella consapevolezza – condivisa – che si tratti di un passaggio necessario per entrare in una nuova fase di gestione della città.

Una fase in cui la regolarità amministrativa consentirà di uscire “dalle gabbie della spesa storica” per “riappropriarsi dell’autonomia e della responsabilità politica sulle scelte di governo e di spesa del Comune”.

Al tempo stesso, sindaco e presidenti di Municipio hanno convenuto sulla necessità di inaugurare, da subito, un nuovo metodo di lavoro, in vista della definizione e stesura del bilancio previsionale 2014, che comincerà a breve. Dalla riunione odierna è infatti emersa la comune volontà di creare le condizioni per una modalità di confronto più partecipata e concertata, che realmente consenta di pianificare il bilancio di Comune e Municipi all’insegna di una concreta valorizzazione delle autonomie.

A tale proposito verranno inaugurati, come richiesto, Tavoli strutturali di lavoro. Dal canto loro, i Municipi hanno evidenziato la necessità di tornare a creare le condizioni per investire nei propri territori, anche definendo un nuovo rapporto tra Dipartimenti e Municipi, sottolineando l’esigenza di poter “tarare i propri interventi in base alle singole specificità”.

Più informazioni su