RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Carovana della Prevenzione, oltre 650 prestazioni erogate in carceri Rebibbia, Latina e Civitavecchia

Più informazioni su

Roma – In occasione del Mese Internazionale della Prevenzione dei tumori del seno, Komen Italia e il Consiglio regionale del Lazio hanno unito le forze per offrire nuove opportunità di prevenzione e di cultura della salute alle donne delle Case circondariali della Regione Lazio.

Grazie alle tre Unità Mobili della Carovana della Prevenzione e alla collaborazione delle ASL e del Corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria dell’Università La Sapienza è stato possibile offrire esami per la diagnosi precoce dei tumori del seno e dei tumori ginecologici, visite dermatologiche e visite per la prevenzione delle patologie del cavo orale alle donne delle Case Circondariali di Rebibbia, Civitavecchia e Latina.

Prendersi cura della salute di donne che stanno scontando una pena: questo l’obiettivo delle cinque “Giornate di Promozione della Salute Femminile” organizzate da Komen Italia con il Patrocinio del Consiglio regionale del Lazio e in collaborazione con il Garante delle persone detenute o private della libertà personale della Regione Lazio.

Oltre 650 le prestazioni erogate gratuitamente: 151 visite senologiche, 103 mammografie, 90 ecografie mammarie, 105 visite ginecologiche, 117 visite dermatologiche e 92 visite per la prevenzione delle patologie del cavo orale.

Nelle cinque giornate, i medici volontari hanno riscontrato un caso sospetto di tumore del seno e 2 casi sospetti di tumore ginecologico. Inoltre, hanno segnalato la necessità di 3 approfondimenti per escludere patologie del cavo orale.

«Portare l’attività di screening all’interno della Casa circondariale femminile di Rebibbia e nelle sezioni femminili delle Case circondariali di Latina e Civitavecchia – afferma il Presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mauro Buschini – è un’operazione molto importante in tema di diritti e di buone pratiche, che il Consiglio regionale del Lazio ha voluto sostenere con forza. Significa garantire più equità di prestazione e fruizione di servizi pur nell’inevitabile diversità di condizioni che la detenzione rappresenta».

Stefano Anastasìa, Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà della Regione Lazio, dichiara: «L’opportunità offerta da Komen Italia, con il contributo del Consiglio regionale del Lazio, alle donne detenute nelle carceri della regione è di straordinaria importanza: non solo le inserisce in una campagna di prevenzione diffusa nella società libera, così come la riforma vuole che sia prestata l’assistenza sanitaria in carcere, in condizione di equivalenza a quelle delle donne e degli uomini liberi, ma può costituire un primo passo in un percorso di cura per donne che spesso, anche in libertà, sono state lontane dall’offerta dei servizi sanitari territoriali. L’auspicio è che la prevenzione oncologica entri stabilmente nei programmi di assistenza sanitaria rivolti alle donne detenute».

Il Prof. Riccardo Masetti, Presidente di Komen Italia e Direttore del Centro Integrato di Senologia della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, aggiunge: «Siamo molto orgogliosi di aver portato la nostra  Carovana della Prevenzione presso le Case circondariali di Rebibbia, Latina e Civitavecchia. La Carovana si propone proprio di portare la prevenzione dove ce n’è più bisogno e in particolare a favore delle donne che vivono in condizioni di disagio sociale o economico. Offrire queste opportunità di diagnosi precoce a donne detenute riflette l’impegno della nostra associazione a combattere le iniquità che ancora permangono nel diritto alla salute».

LA CAMPAGNA PER IL MESE INTERNAZIONALE DELLA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL SENO

Alla Campagna “La Prevenzione è il nostro capolavoro” è dedicato il sito internet prevenzione.komen.it dove sarà possibile consultare le “Linee guida della Prevenzione”, sostenere i progetti di Komen Italia e aderire alla campagna di prevenzione richiedendo il ribbon rosa, simbolo di Komen Italia.

Il Mese della Prevenzione di Komen Italia si concluderà il 31 ottobre con l’inaugurazione del Centro Komen Italia di Terapie Integrate in Oncologia presso il Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma, per offrire a un numero sempre maggiore di donne la possibilità di usufruire di trattamenti complementari utili ad aumentare l’aderenza alle terapie oncologiche, a ridurre gli effetti collaterali di tali terapie e i rischi di recidiva e a migliorare il benessere psicofisico durante e dopo i percorsi di cura.

Con le stesse finalità la Komen Italia procederà anche all’ampliamento dello Spazio polifunzionale Donne al Centro, recentemente avviato nell’Ospedale Bellaria di Bologna a supporto delle due Breast Unit cittadine.

Più informazioni su