RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Case popolari, Campidoglio: “55 assegnazioni in un mese”

Più informazioni su

Case popolari, Campidoglio: “55 assegnazioni in un mese, oltre 500 nel 2017”. Raggi: “Poniamo fine a ‘scroccopoli’, avanti spediti per ridare giustizia a famiglie”.

L’Amministrazione nell’ultimo mese ha consegnato 55 case popolari a famiglie aventi diritto. In un anno e mezzo di giunta Raggi le assegnazioni sono state oltre 750, più di 500 solo quest’anno, contro le 250 del 2014 e le 280 del 2015.

Campidoglio

Campidoglio

“È un risultato significativo. Stiamo finalmente riportando giustizia alle famiglie oneste che aspettano la casa popolare in graduatoria sin dal 2000, nell’inerzia delle precedenti Amministrazioni. Andiamo avanti spediti, forti del censimento da poco completato degli alloggi popolari dell’Edilizia Residenziale Pubblica di Roma Capitale: una mappa precisa a disposizione per liberare le case popolari occupate da chi non ha titolo e consegnarle contestualmente a chi ha diritto e bisogno. Il meccanismo è tornato in moto, poniamo fine a ‘scroccopoli’”. Lo dichiara la sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi.

Il censimento degli alloggi popolari dell’Edilizia Residenziale Pubblica di Roma Capitale ha portato alla luce circa 2.000 situazioni in cui ad abitare una casa popolare sono persone con redditi alti, immobili di proprietà o residenze altrove, sia dentro che fuori i confini capitolini. Inoltre, sono stati individuati 1.600 alloggi i cui legittimi assegnatari sono deceduti.

Tra i casi emersi ci sono quelli di famiglie con redditi di 90 mila euro e la Porsche, persone con 18 immobili di proprietà, giovani benestanti subentrati abusivamente nelle case popolari dei nonni, nuclei con entrambi i genitori lavoratori e redditi di 45 mila euro all’anno, coppie sposate che detenevano due alloggi popolari oltre ad avere immobili di proprietà, fino a case popolari arredate con dettagli dorati e brillanti, vasche idromassaggio, cabine armadio hollywoodiane e maxischermi.

“Il prossimo obiettivo è far sì che il patrimonio pubblico disponibile, quindi non afferente alle case popolari, sia valorizzato come merita”, dichiara l’assessora al Patrimonio e alle Politiche abitative Rosalba Castiglione.

“La città – prosegue l’assessora – possiede molti immobili di pregio sottostimati o con canoni molto al di sotto dei valori di mercato. Parliamo di alcune delle location più belle del mondo, basti pensare agli appartamenti vista Colosseo, Piazza Navona o Fontana di Trevi, che sono stati dati fino ad oggi a meno di 200 euro al mese. Un assurdo sistema a colabrodo, che disperde risorse a scapito delle entrate delle casse comunali e quindi dei servizi alla città. I beni di Roma Capitale appartengono a tutti i cittadini e solo e unicamente a beneficio della collettività devono essere amministrati”.

Più informazioni su